Caffetteria del Chiostro del Bramante | Davide Querin - Trasparenze Alchemiche

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Davide Querin - Trasparenze Alchemiche

from 19/05/2015 to 22/06/2015

Espone al Chiostro del Bramante dal 19 maggio al 22 giugno presso lo Spazio Caffetteria DAVIDE QUERIN con una personale dal titolo “Trasparenze Alchemiche”.

L'elemento caratteristico presente nei quadri in esposizione sono le Trasparenze. Se si traducesse in immagini ciò che accade dentro di noi, i nostri pensieri, i nostri sentimenti, i nostri ricordi e rendessimo trasparenti queste immagini sovrapponendole l'una all’altra, otterremmo un'unica nuova immagine istantanea. Se ci fermassimo, come in meditazione o in dormiveglia, e andassimo oltre il rapporto spazio-tempo e ci portassimo in una dimensione di “non-tempo”, allora tutto coinciderebbe in un unico luogo e in un unico sospeso istante, e vivremmo un sognalismo trasognato, ma cosciente, in grado di farci percepire una dimensione superiore dove tutto coesiste in armonia.

Ognuno dei quadri esposti rappresenta un'istantanea di questa condizione di “non tempo”, ciascuno di questi quadri vuole essere la rappresentazione sublimata di sentimenti, pensieri, emozioni, ricordi, resi trasparenti e sovrapposti, come se coincidessero nello stesso istante e nello stesso luogo, in un equilibrio sospeso e privo di tensioni disarmoniche, un equilibrio alchemico capace di trasformare passato e futuro in un sereno presente.

Bio. | Davide Querin nasce a Roma nel 1962 e da subito si dedica alla pittura e alle arti seguendo le orme e la passione della madre pittrice. La sua formazione artistica è eclettica e si sviluppa sia sul terreno dell’illustrazione sia su quello della pittura. Nel 1986 si laurea in grafica editoriale e pubblicitaria e in seguito frequenta lo studio del pittore Gino Quintili presso il quale perfeziona l’utilizzo della tecnica e olio. È del 1989 l’inaugurazione della sua prima mostra personale, allestita a Roma presso la Galleria d’Arte Catacombe 2000.

L’opera di Davide Querin porta il segno della sua creatività poliedrica e di un forte legame con la cultura argentina e latinoamericana in generale. La sua arte si caratterizza per il suggestivo incontro tra il reale e il fantastico che destruttura la visione prospettica delle sue ambientazioni dando origine a visioni oniriche in cui i tempi e gli spazi si sovrappongono e sorprendono lo spettatore.

------------------------------------------------------------------------------

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Mario Ceppi - Je suis allé au Marché aux fleur

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Mario Ceppi - Je suis allé au Marché aux fleur

Aprendo il libro di poesie di Jacques Prevert leggiamo alcuni titoli delle sue poesie - «Ne ho visti parecchi, Per te amore mio, Scena familiare, Questo amore, La disperazione è seduta su una panchina, Il messaggio, Tempo perso e Con i tempi che corrono!» - e ci tuffiamo subito nelle polaroid abilmente lavorate e realizzate da Mario Ceppi per la primavera romana del 2015.

Si inaugura il 14 aprile (apertura il 15 aprile, fino al 18 maggio 2015) presso lo Spazio Caffetteria Bistrot del Chiostro del Bramante (Via Arco della Pace 5, Roma) la mostra “Je suis allé au Marché aux fleur”, un’esposizione di polaroid elaborate manualmente dal fotografo Mario Ceppi, che già due anni fa aveva presentato lavori simili, ‘rubando’ l’immagine alla Danza. Ora invece ci propone la fugacità del fiore.

«Con le mie opere intendo “usare” i fiori per rappresentare i vari aspetti dell’amore, dal desiderio alla passione; dalla gioia dell’amore trovato al dolore dell’amore perduto; l’amore paterno e l’amore muliebre...», Mario Ceppi

Le opere, sono realizzate utilizzando pellicole analogiche a sviluppo immediato la cui emulsione è stata asportata per essere ‘depositata’ su cartoncino per acquarello; sono tutte uniche e non riproducibili, alcune esplicitano il racconto in una sola immagine, come ad esempio “Désir et volupté” o “L'amour perdu”, altre si sviluppano su più immagini come “Je reviens à vous”.
- Elena Gigli -

INFO | +39 3397081044 – info@marioceppi.it
L’artista sarà presente alla mostra previo appuntamento

__________________________________



CHAGALL. LOVE AND LIFE

CHAGALL. LOVE AND LIFE

from 16/03/2015 to 26/07/2015

From the collection of the Israel Museum in Jerusalem, 140 works by Marc Chagall, one of the bestloved artists of the 20th century, are now in Italy for the first time. So universal as to be known, recognized and loved by everyone, he of all the artists of the last century remained true to himself while going through wars and catastrophes as well as political and technological revolutions.

Through drawings, some oil paintings, gouaches, lithographs, etchings and watercolours, the show reveals an artistic vision influenced by Chagallʼs great love for his wife Bella and grief over her early death in 1944. It traces the course of his life and his art, a mixture of the major European traditions, from his original Jewish and Russian culture to the meeting with French avant-garde painting. Curated by Ronit Sorek and produced by DART Chiostro del Bramante and the Arthemisia Group in collaboration with the Israel Museum under the patronage of Roma Capitale, the exhibition CHAGALL. LOVE AND LIFE will be held in the Chiostro del Bramante from 16 March to 26 July 2015.

Founded in 1965, the Israel Museum houses art collections bound up with Jewish culture from prehistoric to contemporary times. These could hardly fail to include Chagall, whose works were donated by the artist himself, his daughter Ida and supporters of the institution, which celebrates its fiftieth anniversary this year and is marking the occasion with this exceptional loan for display in the Bramante Cloister in Rome.

The Exhibition
The eight thematic sections draw the complex, kaleidoscopic artistic and spiritual map that underlies the artistʼs stateless profile. Chagallʼs extraordinarily original art is in fact born out of the assimilation of the three cultures to which he belonged: the Jewish, from whose visual tradition of ornate manuscripts he drew the sometimes mystical expressive elements of his work with their disregard of perspective; the Russian, drawing alike on the images of religious icons and those of the popular prints known as luboki; and the great Western tradition of painting from Rembrandt to the avant-garde. Chagallʼs work does not end here, however, as his entranced wonder at nature and living creatures endows his 20th-century art with almost medieval archaism. Including drawings, some oil paintings and prints from the Israel Museum, the exhibition focuses in particular on graphic works in its examination of Chagallʼs key themes, from his roots in his hometown Vitebsk (Byelorussia), described with love and nostalgia in the series My Life, to his meeting with his beloved wife Bella Rosenfeld, whose books Burning Lights and First Encounter were published with his illustrations after her early death. An entire section is devoted to the illustrations of the Bible with themes that always fascinated the artist and reveal an extraordinarily “humanistic” interpretation of the Scriptures and especially the Old Testament as a series of historical meetings between God and mankind. In addition to a far broader variety of themes than most of his contemporaries, Chagall expressed his art in numerous fields such as painting, sculpture, mosaics, stage design, writing and printmaking. The latter is examined in depth in the exhibition to show the peculiarities of the works executed with the various techniques of lithography and engraving. A blow-up in the third room shows the interior of the renowned Mourlot printing works in Paris with the ancient presses on which Chagall worked, as did Picasso, Matisse, Braque and Giacometti.

Light is also shed on the relationship existing in Chagallʼs work between art and literature, language and content. The works exhibited reflect the multifaceted identity of the artist as a Jew from Vitebsk (Above Vitebsk, 1920), an author and the illustrator of books by his beloved wife Bella as well as the Bible (Fallen Angel, gouache, 1924), an original modern painter who used Christian iconography to lament the fate of the Jewish people (Crucifixion, gouache, 1944), a man deeply familiar with the work of the Russian writer Nikolai Gogol (his frontispiece for Dead Souls and 15 of the 96 etchings of 1948), and a Frenchman by adoption who also produced illustrations for La Fontaineʼs fables (18 watercolours, etchings and gouaches). With his great understanding of the soul and ability to portray human weaknesses without making judgments (as Susan Compton wrote in the catalogue of the exhibition of 1985 at the Royal Academy in London), Chagall celebrates love as a divine gift in works like The Lovers (oil on canvas, 1937), Two Lovers and Flowers (lithograph, 1949), Two Lovers with a Rooster (lithograph, 1951) and The Lovers (gouache, 1954–55). The exhibition also includes depictions of family and friends (Dr I. A. Eliashev and Ala Eliashev, both graphite on paper, 1919) and himself (Self-Portrait with a Smile and Self-Portrait with a Grimace, both etchings of 1924–25), which demonstrate his mastery of line and surface as well as colour.

EDUCATION AND EXHIBITION DESIGN
Particular attention is focused on the scenic design of the rooms and the communication of content to visitors as they proceed through the exhibition. In one room, the projection of four works by Chagall so that they gradually take shape on the wall enables visitors to observe the different compositional phases as though the paintings were being born before their eyes. Background music gives the overall perceptual experience a multisensory character. Moreover, to ensure that everyone enters fully into the world of this great figure of the 20th century, visitors will be able to arrange magnetic elements on the “classic” background of a work by the master so as compose their own personal Chagalls for photographic immortalization. For “full immersion” in Chagallʼs entrancing poetic vision, the last room features a wall projection of one of his more important works, namely The Walk (a gouache of 1919 is also on show). Visitors are invited to enter the atmosphere of the painting and immortalize their own faces in place of the lovers so as to take away a personal memento of the event and the great love of Marc and Bella, whose one hundredth wedding anniversary falls this year. The exhibition CHAGALL. LOVE AND LIFE presents works from the Israel Museum to illustrate the art and the poetic vision of one of the most innovative masters and highly appreciated and admired Jewish artists of the 20th century. To borrow from the title of one of Bellaʼs books, Chagallʼs lights are still burning. Never a tormented artist, he preserved his optimism and delight in living to the very end of his long life.

------------------------------------------------------------------------------

EXHIBITION OPENING Monday, March 16 h. 15:00

INFORMATION - BOOKING | T 06916508451
Book now your ticket on www.ticket.it/chagall

ADMISSION
Monday - Friday 10am - 8pm (last admission 7pm)
Saturday - Sunday 10am - 9pm (last admission 8pm)

SPECIAL OPENINGS
- April 5, 10:00 am to 09:00 pm
- April 6, 10:00 am to 08:00 pm
- April 25, 10:00 am to 08:00 pm
- May 1, 10:00 am to 08:00 pm
- June 2, 10:00 am to 08:00 pm
- June 29, 10:00 am to 08:00 pm

TICKETS
- Full Price € 13,00 (audio guide included)
- Reduced € 11.00 (audio guide included): Senior citizens over 65 years (with valid ID); young people 11-18 years (with valid ID); students under 26 years (with valid ID); forces of law and order and the military with valid ID; Disabled visitors; Journalists with regular license of the National Order (professional, practitioner, freelance)
- Reduced price for Groups € 10.00 (booking required min 15 max 25 pax, miking required)
- Reduced price for Children € 5.00 (children 4 to 11 years old)
- Reduced price for Schools € 5.00 (booking required min 15 max 25 pax)
- Reduced kindergarten € 3.00 (booking required min 15 max 25 pax)
- Special Reduction € 9,00 (audioguide included): Guides with ID cards if they do not accompany a group;
- Free admission for (audio guide included): Children under 4; 1 person accompanying each booked group; Teachers accompanying students (2 each groups); ICOM card holders; Free admission for the person accompanying the disable visitors; Arthemisia Group Vip card holders; Amici del Chiostro del Bramante card holders; Journalists (professional, practitioner, freelance) with prior request by the editors sent to ads@arthemisia.it (for emergencies +39 345 7503572)

DIDACTIC SERVICES | didattica@arthemisia.it
- For children from 4 to 11 years
(excluding ticket prices, reservations required min 15 max 25 pax)
- Workshops | Interactive tour € 100.00

GUIDED TOURS (excluding ticket prices, booking required min 15 max 25, miking required)
- Schools € 80.00
- Groups € 100.00
- Foreign language € 110.00

------------------------------------------------------------------------------

- PATRONAGE
Roma Capitale | Assessorato Cultura e Turismo | Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali

- PRODUCED and ORGANIZED | DART Chiostro del Bramante | Arthemisia Group
In collaboration with Israel Museum

- Special Partner | Ricola
- Technical Partner | Trenitalia

- Media coverage by | Sky Arte HD | Dimensione Suono Due

- Exhibition curated by Ronit Sorek

- Exhibition project and construction management | Key Comunicazione
- Staging Exhibition | Tagi2000
- Project coordinated image and graphic design exhibition| Angela Scatigna
- Learning Path on show | Francesca Valan
- Lighting designer | Franceso Murano
- Catalogue | Skira
- Ticket | MostraMI s.r.l.
- Audioguide | Start

------------------------------------------------------------------------------

PRESS OFFICES
Arthemisia Group
Adele Della Sala | ads@arthemisia.it - ​​T +39 345 7503572
Anastasia Marsella | am@arthemisia.it - ​​T +39 370 3145551
Salvatore Macaluso | press@arthemisia.it - ​​T +39 06 69380306

Cloister of Bramante
Brancato Raffaele | info@chiostrodelbramante.it - ​​T + 39 06 68809035
Annalisa Esposito | variazioni@chiostrodelbramante.it

CATALOGUE SKIRA | Lucia Crespi - lucia@luciacrespi.it | T +39 02 89415532 / +39 02 89401645

------------------------------------------------------------------------------

Caffetteria del Chiostro del Bramante | POP by POP – Eugenio Rattà

Caffetteria del Chiostro del Bramante | POP by POP – Eugenio Rattà

Si inaugura sabato 14 marzo alle ore 17.00 presso lo Spazio Caffetteria Bistrot Chiostro del Bramante, la mostra personale di Eugenio Rattà a cura di Antonietta Campilongo.

Se c’è una sfida intrinseca nel gusto per la citazione, questa sfida è quella di utilizzare uno schema conosciuto e formalizzato e riuscire a scovarne un nuovo sviluppo. O inserirlo in un altro ed estraneo contesto e inventarne quindi una nuova dimensione. Questa sfida, forse inconsapevole, forse disarmata, è quella che disputa, e vince, il lavoro di Eugenio Rattà. Il quale attinge a piene mani dalla PopArt e dal suo decennio d’oro (fine anni ’50 – fine ’60), ne condensa temi e tecniche, ne rincorre i modi e i generi, e alla fine adatta tutto questo bagaglio ad una sublime contraddizione, a quell’ironico, solare, festoso gioco di rilanci e tentate vicendevoli prevaricazioni fra la sfera privata delle intime malie, e quella sfacciata chiassosa e sbrigativa delle mitologie contemporanee.

Pittura timbrica e tesa, inserimento di materiali, ricorso al vero e proprio collage (con connessa depredazione di immagini da riviste, riproduzioni fotografiche, figurine e pubblicità ); e poi il forte carattere bidimensionale della rappresentazione, la trasfigurazione dei soggetti in pretesto pittorico, la connotazione stereotipa dei loro atteggiamenti, l’intento decorativo di motivi ed iconografie; tutto questo crea una geometria luminosa, una psichedelica sistemazione, che da un lato dà conto di un immaginario artistico esplosivo e ridondante, dall’altro vive la relazione problematica e critica con il mondo, con i condizionamenti collettivi, con le mille chimeriche sfaccettature che la realtà assume.

Ed è proprio da questa connessione, che a ben guardare si rivela presto un raffinato attrito, che si trasmettono quell’impressione ed atmosfera di impalpabile inadeguatezza, che sono la cifra originale e significativa nelle opere di Rattà. Fra utopie fantasie memorie e stato delle cose, le molte sollecitazioni pressanti ed in cerca di armonica convivenza nello spazio vitale di ciascuno, l’artista non nasconde il progressivo e rischioso scollamento, solo lo maschera di glamourosa levità, oppone una espansiva visione, scientemente naif, contro gli attuali devastanti modelli di comunicazione di massa, si diverte a irridere e decorare il mondo con i suoi stessi ritagli, i suoi stessi surplus, le sue stesse manie.

Francesco Giulio Farachi

Inaugurazione: sabato, 14 marzo 2015 – h. 17.00/20.00 – Ingresso Libero

__________________________________




Caffetteria del Chiostro del Bramante | Veronica Schelini – Papiers d’ époque

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Veronica Schelini – Papiers d’ époque

Espone presso lo spazio Caffetteria Bistrot del Chiostro del Bramante, dal 3 febbraio al 9 marzo 2015, Veronica Schelini con una personale dal titolo “Papiers d’époque – Volti di oggi su parole di ieri”. Soggetti ispirati ad immagini e cartoline appartenenti alla ‘belle époque’, con particolare richiamo alle rappresentazioni dell’ illustratore statunitense Charles Dana Gibson, noto per le sue ‘Gibson Girls’.

Le opere, realizzate su carta di giornale, nascono in realtà per caso: «Un pomeriggio mi sono ritrovata a schizzare, mentre ero al telefono, un volto su di una copia de ‘Le Monde’ che avevo acquistato e da lì l’idea di riprodurre lo stesso effetto». Al gusto per la raffinatezza e alla leggerezza della linea liberty, si aggiunge l’unicità di quel periodo, derivata dall’estrema modernità e dalla fiducia nel progresso, e che nel campo dell’arte si rivela attraverso una ‘bellezza senza tempo’. Le figure armoniose e femminili della Schelini sono donne appassionate, ammaliatrici ed indipendenti che si confrontano con il presente attraversando il passato.

Nata a Roma l'8 luglio 1984, Veronica Schelini, è laureata in Lingue e Letterature Straniere all'Università La Sapienza di Roma e attualmente insegna Lingua e Letteratura Francese. Appassionata di Arte e Storia dell'Arte, si avvicina al disegno da autodidatta, per divertimento, copiando i personaggi dei cartoni animati e i volti dei grandi attori di Hollywood per poi iniziare a ‘sperimentare’ su carta di giornale, fino a dare vita ai suoi ritratti bohemien.

INFO | veronicaschelini@gmail.com

__________________________________



Gallerie del Chiostro del Bramante | Simone Domeniconi – La vita come una scacchiera

Gallerie del Chiostro del Bramante | Simone Domeniconi – La vita come una scacchiera

Si inaugura a Roma, presso lo Spazio Gallerie del Chiostro del Bramante, il 17 gennaio alle ore 18.00 “La Vita come una Scacchiera” mostra personale del giovane artista Simone Domeniconi (Carpi 1972), curata da Giovanni Faccenda, che presenzierà all'inaugurazione.

La originalissima ricerca artistica di Domeniconi, rappresentata per lo più da partite di scacchi realmente disputate e ricostruite fedelmente sulle opere dall'artista, cerca un affascinante connubio tra poesia, matematica e storia. Gli scacchi intesi come perfetta metafora del nostro tempo, un tempo regolato da strategie politiche, economiche, sociali, fino addirittura ai legami affettivi. A questo Domeniconi accosta, grazie ad una padronanza tecnica indiscutibile, un'estetica spesso ricercata nella tradizione pittorica italiana a partire dal '300.

«Chi mi conosce sa che ricorro al termine ‘artista’ con grande parsimonia: Domeniconi lo è senza dubbio. La maggior parte dei cosiddetti artisti contemporanei ripete qualcosa di già fatto precedentemente. Sfido a cercare nella storia dell’arte degli ultimi centodieci anni qualcuno che anche lontanamente possa essere ricondotto a questa singolare espressione. Desidero segnalare Simone Domeniconi tra i cinque nomi di artisti italiani di particolare interesse sul panorama nazionale».
Giovanni Faccenda

Inaugurazione | Sabato 17 gennaio 2015 ore 18.00
Catalogo | A cura di Giovanni Faccenda - Tipografia Bandecchi & Vivaldi, Pontedera
INFO | Ufficio Stampa, Barbara Benedetti - T [+39] 3801952243

__________________________________



Caffetteria del Chiostro del Bramante | Chiara Balduzzi - Colori…perché del mio respiro

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Chiara Balduzzi - Colori…perché del mio respiro

Espone alla Caffetteria del Chiostro del Bramante di Roma Chiara Balduzzi con “Colori… perché del mio respiro”, dal 16 dicembre 2014 al 19 gennaio 2015.

I dipinti della Balduzzi squarciano la parete aprendo improvvise finestre per irradiare valori e sentimenti vitali senza i quali la vita - è il caso di dirlo - perde colore. Fanno sussultare i rossi vermigli di un’ardente passione riaccesa, come sprigionano speranza le distese di verdi chiari assetati d’infinito, su su fino agli azzurri che, in genere, nel sentire della pittrice, sono legati più agli inverni che alle primavere. Per Chiara Balduzzi vale senz'altro l’assioma di Matisse “Il colore soprattutto, forse ancor più del disegno, è una liberazione” e sulle pareti del suo studio tra mobili liberty, tavolati e tavolozze, campeggia la citazione di Alda Merini: “Amo i colori, tempi di un anelito inquieto, irrisolvibile, vitale, spiegazione umilissima e sovrana dei cosmici perché del mio respiro”.

Ciascun colore nasconde un segreto ed ogni artista è chiamato a svelarne un brano senza peraltro esaurirne il mistero, alimentandolo, anzi; anche per questo i fiori della Balduzzi non s’appoggiano e, privi di sostegno, si librano nello spazio indefinito colmandolo di raggi che vanno ben oltre la cornice (che non c’è) e sembrano non tollerare tipo alcuno di prigione. Al tutto s’aggiunge un omaggio a Bramante nel cinquecentesimo della morte, architetto e pittore eternamente vivo anche nelle sue opere.
Maffino R.Maghenzani

Biografia | Chiara Balduzzi nasce a Clusone (Bergamo) nel 1967, ma vive la sua infanzia e giovinezza in Toscana sulle colline nei pressi di Firenze. Nel 1998, esponendo in terra natale, Chiara B. viene definita da V. Caratelli [Presidente dell’ Unione Artisti Italiani] “Una vera promessa”. Si fa strada l’urgenza di coltivare il talento e perfezionare la tecnica al fine di trasmettere con maggiore immediatezza e compiutezza i messaggi del cuore e dell’anima. Dal 1992 al 2000 frequenta lo studio del maestro pittore Armando Peroni. Se i fiori sono i protagonisti primi dei quadri di Peroni, tali divengono - in questo periodo - anche nelle pitture di Chiara B., per arricchirsi poi di marine, paesaggi e nature morte.

INFO | chiarabalduzzi@hotmail.it - +39 3489362616
INAUGURAZIONE | Martedì 16 dicembre ore 17,30

*L'artista, Chiara Balduzzi, sarà presente in mostra previo appuntamento info + 39 3489362616

__________________________________


Gallerie del Chiostro del Bramante | Walter Lazzaro - Lo stupore del silenzio

Gallerie del Chiostro del Bramante | Walter Lazzaro - Lo stupore del silenzio

Si inaugura a Roma, presso lo Spazio Gallerie del Chiostro del Bramante, il 10 dicembre “Lo stupore del silenzio” mostra antologica dedicata alle opere di Walter Lazzaro (Roma 1914 – Milano 1989) di cui quest’anno ricorre il centenario della nascita.

L’esposizione romana, a cura di Wanna Allievi, conclude la “trilogia del silenzio”. Le altre due mostre sono state realizzate a Spoleto “Il silenzio sospeso” e a Forte dei Marmi “Approdi silenti”. Il silenzio come elemento caratterizzante della pittura di Lazzaro.

Anzi, tre tipologie di silenzio : la prima, quella di Lazzaro ventenne gioioso e ricco di prospettive positive e costruttive; la seconda quella di Lazzaro fuggito dal campo concentrazionario di Biala Podlaska e approdato a Forte dei Marmi per ricostruire la serenità, la terza, quella di Lazzaro contemplativa e metafisica nella città natale e degli affetti – Roma – di cui ascolta con stupore un silenzio ritrovato in una nuova interpretazione: quella della gioia di essere vivo e di scoprire una rinnovata voglia di essere propositivo ed efficiente.

Osservando le cinquanta opere esposte si colgono gli stati d’animo del Maestro anche attraverso l’utilizzo dei colori spesso degradanti in sfumature tenui e a un tempo luminescenti. Un Lazzaro che lascia trasparire i suoi pensieri anche quando, abbandonata la figura umana, popola i suoi silenzi di barche, di sdraio, di ombrelloni solo apparentemente inanimati. Silenzi eloquenti e ricchi di riflessioni “metafisiche” capaci di stupire il visitatore e di condurlo verso considerazioni introspettive imprescindibili.


Inaugurazione | 10 dicembre 2014 ore 18.00
Catalogo | A cura di Wanna Allievi, Editoriale Giorgio Mondadori
INFO | Ufficio Stampa, Wanna Allievi Comunicazione | T [+39] 02 48020871 – [+39] 339 10 91 135

__________________________________


Sala delle Capriate | Last Paradise

Sala delle Capriate | Last Paradise

LAST PARADISE è il titolo dell’ultima mostra diretta e curata dal Prof. Daniele Radini Tedeschi, nonché l’evento conclusivo dell’Esposizione Triennale di Arti Visive a Roma 2014, organizzata da La Rosa dei Venti presso la Sala delle Capriate del Chiostro del Bramante.

Con Last Paradise Radini Tedeschi chiude la tetralogia del Paradiso; una chiusura nel senso di abbandono della speranza da un lato e dall'altro accettazione di una realtà assurda e variegata in cui trova spazio l’idea pura di estetica paradisiaca accanto a quella dei paradisi artificiali, dei mondi virtuali, dello spaesamento.

«L’uomo - afferma Radini Tedeschi - è in balia di una tempesta esistenziale più che della crisi economica e l’Italia offre spunti diretti ed esempi concreti di questo disorientamento. Per tale ragione è inutile ispirarsi all'arte contemporanea straniera, dell’America o del Medioriente, è inopportuno in tale momento storico manifestarsi esterofili poiché sarebbe necessario valorizzare un’arte Vera, Autentica ossia direttamente originata dai fatti che avvengono nel nostro Paese, quali: la giustizia non sempre uguale per tutti, la dipendenza da sostanze stupefacenti o da farmaci ipnotici, la deviazione sessuale, la depressione, la solitudine, l’autismo critico, il suicidio. Pertanto la mostra, nelle sue tre sedi del Chiostro del Bramante, della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma e della Galleria Arte Maggiore, analizzerà in chiave esistenzialista i problemi che attanagliano l’uomo con un esame lenticolare della nostra Nazione sempre più declinata su un modello di vita inautentico, su inutili sovrastrutture, su barriere mentali e psichiche. La mostra ospiterà opere pittoriche, fotografiche, scultoree, installazioni unite non da una equipollenza stilistica bensì da contenuti affini e approcci similari».

L’IDEATORE ED IL CURATORE
Il Prof. Daniele Radini Tedeschi, critico e storico dell’arte, è Commissario del Padiglione Guatemala nella 56°Biennale di Venezia. E' laureato in storia dell’arte all'Università La Sapienza e considerato, a livello internazionale, uno specialista del Caravaggio di cui ha pubblicato due corpose monografie. È Direttore Artistico della Esposizione Triennale di Arti Visive a Roma ed è esperto per i dipinti antichi della Casa d’Aste Antonina. Numerosi sono inoltre i suoi interventi in televisione sia in Rai che a Mediaset..

INFO | T 333 611 08 56 - segreteriatriennalediroma@gmail.com - www.esposizionetriennale.it
INAUGURAZIONE: Venerdì 21 novembre 2014 ore 18.00 - Interverranno Daniele Radini Tedeschi e Philippe Daverio
Catalogo Edito Giorgio Mondadori

__________________________________


Caffetteria del Chiostro del Bramante | Massimo Pennacchini – Storie di tango

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Massimo Pennacchini – Storie di tango

Dal 18 novembre al 15 dicembre lo Spazio Caffetteria Chiostro del Bramante ospita l’esposizione “Massimo Pennacchini – Storie di tango”.

Una coppia allacciata nel tango, che danza sui ritmi accesi e passionali di un bandoneón, e di una musica che Astor Piazzola ha innovato e trasportato dalle balere di Buenos Aires fino al limbo della classicità, senza mai tradirne l’origine popolare; tutto questo ha fatto di Massimo Pennacchini l’interprete di un rito sensuale e scenografico, in cui si celebra, ancor più che la passione amorosa, lo scontro e l’incontro fra due corpi in movimento, che si attraggono e si respingono, in un gioco impenetrabile di sguardi e di gesti, isolati dal mondo, apparentemente incuranti di chi li guarda, e interpreti assoluti di una partitura prefissata e ogni volta reinventata.

L’incontro con la pittura di un evento così singolare era inevitabile, fatale persino, e va dato atto all’artista, che lo ha reso possibile, di un’attenzione e di una sensibilità al colore e al movimento del tutto coerente allo spirito che anima la danza degli adepti della milonga.

La pittura di Pennacchini ha valenze compositive e coloristiche di grande spessore, essendosi confrontata in passato con la classicità della natura morta e della ritrattistica. La sua tecnica ha percorso quindi le tappe evolutive di una riflessione approfondita su forma e colore; in questa ultima fase si assiste a un processo di depurazione, per cui il moto della danza tende inevitabilmente a dissolversi in puro richiamo luminoso e dinamico, e in una colta ricognizione del rapporto fra spazio e figura, dove il riferimento temporale si scioglie in un’indeterminatezza sospesa. E il resto è solo musica.

Paolo Levi

INFO | Tel +39 06/68809035 - info@chiostrodelbramante.it

__________________________________


Gallerie del Chiostro del Bramante | Memorie di natura, miti e geometrie

Gallerie del Chiostro del Bramante | Memorie di natura, miti e geometrie

Le Gallerie del Chiostro del Bramante si apprestano ad ospitare, da sabato 8 novembre fino al 6 dicembre 2014, un’esposizione collettiva intitolata “Memorie di nature, miti e geometrie” a cura di Lorena Gava e Giovanni Faccenda.

Sei artisti: Vittorio Angini, Daniela Borsoi, Lorenzo Donati, Roberto Ghezzi, Marta Mànduca e Rocco Rusiello, distanti nella loro cifra stilistica, ritrovano nella “pittura” una vocazione comune sentita e profonda. Scrive la dottoressa Lorena Gava, curatrice della mostra: “«Memorie di nature, miti e geometrie» racconta gli universi diversificati di un gruppo di pittori accomunati da un’urgenza espressiva forte e autentica”.

L’esposizione, che vedrà protagoniste una quarantina di opere, intende indagare gli eterogenei linguaggi dei sei artisti, attraverso forme e soluzioni, come dice Giovanni Faccenda: “orientate verso la metafisica (Rusiello) o verso il surrealismo (Mànduca); entro i termini di un realismo magico (Angini) o nei rigogliosi orizzonti di un naturalismo lirico (Donati); abitate da singolari echi tipici del simbolismo nordico (Ghezzi) o da struggenti abbandoni interiori e idilli sentimentali (Borsoi).”

La mostra si aprirà con l’inaugurazione di sabato 8 novembre alle ore 18.00, che vedrà l’intervento dei due curatori e dei sei artisti e sarà anche l’occasione per presentare il nuovo catalogo (edizioni Ubi Maior) dedicato a questa esposizione.

INFO | Ubi Maior - Edizioni e Servizi per l'Arte : info@ubimaior.eu - T 347 2928499

__________________________________


VARI(e)AZIONI

VARI(e)AZIONI

Dart Chiostro del Bramante is the institution managing the museum and multi-function area of the Chiostro del Bramante. The mission of the institution has always been to make the Chiostro a space open to the public and to offer a comprehensive range of cultural services and options for social meetings. Vari(e)azioni is a young artist support program sponsored by Chiostro del Bramante. The spaces dedicated are Galleries and Cafeteria Bistrot, perfect showcases for contemporary art exhibitions.

>> Send your images and CV to Vari(e)azioni selection by email variazioni@chiostrodelbramante.it

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Veronica Schelini. Papiers d’ époque
dal 3/02/2015 al 9/03/2015

Gallerie del Chiostro del Bramante | Simone Domeniconi. La vita come una scacchiera
dal 17/01/2015 al 15/02/2015

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Chiara Balduzzi. Colori…perché del mio respiro
dal 16/12/2014 al 19/01/2015

Gallerie del Chiostro del Bramante | Walter Lazzaro. Lo stupore del silenzio
dal 10/12/2014 al 11/01/2015

Sala delle Capriate | Last Paradise
dal 21/11/2014 al 3/12/2014

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Massimo Pennacchini. Storie di tango
dal 18/11/2014 al 17/12/2014

Gallerie del Chiostro del Bramante | Memorie di natura, miti e geometrie
dal 8/11/2014 al 6/12/2014

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Urban Portraits. Old&New
dal 14/10/2014 al 16/11/2014

Gallerie del Chiostro del Bramante | Nino Tirinnanzi. Meraviglie di natura
dal 4/10/2014 al 02/11/2014

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Georgia Nuzzo. InLuce
dal 8/09/2014 al 13/10/2014

Gallerie del Chiostro del Bramante | TOMMY OHIRA
dal 20/05/2014 al 25/05/2014

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Marco Arduini.Oltre il cielo
dal 13/05/2014 al 23/06/2014

> Exhibitions Archive

__________________________________


Caffetteria del Chiostro del Bramante | Urban Portraits  – Old&New

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Urban Portraits – Old&New

Spazio Ginko
in occasione della III mostra della rassegna URBAN PORTRAITS
presenta
OLD&NEW - eXPeriments


URBAN PORTRAITS è una rassegna di 10 mostre collettive di fotografia che si terranno in altrettante location di Roma e che hanno come macro tema il paesaggio urbano.

Il tema affrontato in questa terza mostra, che durerà fino al 16 novembre presso lo Spazio Caffetteria del Chiostro del Bramante, è OLD&NEW e parteciperanno 5 fotografi, occasionalmente tutti italiani, di cui verranno esibiti tre scatti per ognuno. La ricerca alla base del tema Old&New è la stratificazione degli stili architettonici che si sovrappongono nel tempo e che contribuiscono a disegnare il volto di una città, mettendone in luce gli elementi strutturali più affascinanti e antichi che convivono con quelli attuali e più moderni.

Questa particolare tematica lascia ampio spazio alla sperimentazione fotografica, da cui la dicitura ‘eXPeriments’ che si riferisce ad uno stile fotografico differente rispetto alle mostre precedenti e alla maggior parte di quelle future, che dà vita a una nuova dimensione artistica. Le immagini esposte non saranno solo, quindi, immediati scatti fotografici rappresentanti una realtà urbana, ma il risultato delle elaborazioni concettuali e soggettive degli artisti.

Con Old&New - eXPeriments si apre una sorta di appendice sperimentalista alle mostre di Urban Portraits, un’appendice che si compone di immagini che, pur rimanendo scatti fotografici, si ritagliano un loro posto riservato per l’aderenza a un certo modo di sentire, tipico dell’arte contemporanea concettuale.

INFO | Vanessa Tenti | T: +39 328 9540 664 | ufficiostampa@spazioginko.com
Opening | Martedì 14 Ottobre alle ore 18:00 – Caffetteria Bistrot Chiostro del Bramente
*L’evento è riservato a un numero limitato di invitati, pertanto si richiede gentile conferma della partecipazione all’opening della mostra

__________________________________



Gallerie del Chiostro del Bramante | Nino Tirinnanzi  – Meraviglie di natura

Gallerie del Chiostro del Bramante | Nino Tirinnanzi – Meraviglie di natura

Apre sabato 4 ottobre la mostra di NINO TIRINNANZI, a Roma, presso la prestigiosa sede del Chiostro del Bramante – Spazio Gallerie.

L’esposizione, e il catalogo pubblicato da Ubi Maior, sono curati dal professor Giovanni Faccenda. La mostra resterà visitabile fino alla fine del mese di ottobre, e sarà un’occasione unica per ammirare una quarantina di opere di Nino Tirinnanzi. Dipinti che vanno dalla fine degli anni ‘20 fino ai recenti anni ‘90 in un percorso che attraversa il gesto di Tirinnanzi attraverso ritratti e nature morte, ma sopratutto attraverso i “suoi” paesaggi e quelle figure che lo hanno accompagnato alla dimora dei più grandi artisti del secolo scorso.

Non è un caso se di Tirinnanzi hanno scritto intellettuali (e con lui hanno intrattenuto rapporti profondi) come Giuliotti, Palazzeschi, Tobino, Gadda, e il Nobel Montale, elogiandone lo spessore artistico e cercando di indagarne l’aspetto intimo di una pittura che è stata, troppo spesso, liquidata con una certa, ingenerosa superficialità.

Se è vero che oggi non c’è stato mai un evidente oblio verso questo artista, è altrettanto legittimo affermare che ancora non gli è stato tributato il giudizio che merita. L’esposizione del Chiostro del Bramante sarà un passo nella direzione di un legittimo riconoscimento a un artista che vive di diritto tra i giganti del Novecento.

Questa rassegna sarà anche l’occasione per presentare il nuovo catalogo, curato, come la mostra, da Giovanni Faccenda, 60 pagine che percorreranno l’intera esposizione, in una selezione unica e inedita.

INFO | La mostra è aperta tutti i giorni [escluso il lunedì] dalle ore 11.00 alle 18.00

__________________________________


Gymboree 10

Gymboree 08

Gymboree 09

Gymboree 07

Gymboree 06

Gymboree 05

Gymboree 04

Gymboree 03

Gymboree 02

Gymboree 01

ESCHER

ESCHER

“I was walking over a little bridge in the woods at Baarn,
and there it was, right before my eyes. I simply had to make a print of it!”


With these words, Maurits Cornelis Escher alludes to the lithograph entitled Three Worlds, in which foreground, background and reflection are depicted on a single plane, that of the water, which causes the real and reflected worlds to overlap between dream and geometry, invention and visual perception, imagination and detailed observation.

With over one hundred and fifty works, including some of his most famous masterpieces such as Hand with Reflecting Sphere (M.C. Escher Foundation), Day and Night (Bressanone, Giudiceandrea Collection), Another World II (Bressanone, Giudiceandrea Collection), Relativity (Bressanone, Giudiceandrea Collection), a major anthological exhibition devoted entirely to the Dutch engraver and graphic artist is opening in Rome, putting his artistic language into context and recounting the network of seemingly incompatible cultural worlds which, thanks to his art and creative drive, achieve harmony in a decidedly unique visual dimension.

Organized by DART Chiostro del Bramante and Arthemisia Group, in partnership with the M.C. Escher Foundation, thanks to loans from the Federico Giudiceandrea Collection, curated by Marco Bussagli, with the sponsorship of Roma Capitale, the ESCHER exhibition aims to emphasize the unique way in which this scholar – because the term artist, in the usual understanding of the word, seems to be somewhat inadequate – observed nature, adopting a different viewpoint, so that beauty of geometric regularity emerges in filigree, transforming it into something magical and playful.

It is no coincidence that Escher’s attraction to the extraordinary and the unusual first took root in his heart and mind as a result of his amazement at the beauty of Italian landscapes, from the countryside around Siena and the intensity of the sea at Tropea to the precipitous cliffs in Castrovalva and the anthropomorphic mountains of Pentadattilo. His gaze, which unearthed the symmetry of volumes, the unexpected dimension of the spaces and the historic depth of the towns and villages, extended over these landscapes. It was his familiarity with these places, which differed so significantly from the gentle flatness of his native Holland, which laid the foundations of an artistic career that ventured into the boundless fields of geometry and crystallography, becoming fertile ground for intellectual games where the imagination reigned supreme. In fact, Escher’s eyes were able to grasp the reality of the geometric mesh behind things, using it as the basis for his compositions to construct what he would later refer to as “interior images”.

When he left Italy forever, Escher travelled to Cordova and the Alhambra in 1936, where tessellation – the key attraction in the decoration of those Moorish monuments – triggered another creative process that coincided with the re-emergence of the Art Nouveau aspect of his artistic training.
The exhibition narrative literally follows the eyes of Escher, who always drew his inspiration from the direct and detailed observation of nature, in the wake of the enchantment that the Italian landscape held for him. The eyes of the great artist therefore rested on the wonders offered by glimpses of Italy, as well as on the little things, from blowballs to beetles, from leaves to grasshoppers, lizards and crystals, which he observed as extraordinary pieces of natural architecture.
The exhibition devoted to this great scholar, a magician of hyper-evocative design, uses Escher’s works to convey the interpenetration of simultaneous worlds, the continuous passage between three-dimensional and two-dimensional objects, but also his research into Gestalt – the psychology of shape that focused on themes of perception –, the mathematical and geometric implications of his art, the principles of visual perception and the effect that his work had on the society of the time.
The exhibition also includes a number of comparative works, including pieces by Marcel Duchamp, Giorgio de Chirico, Giacomo Balla and Luca Maria Patella.

__________________________________

INFO - BOOKING | T: (+39) 06916508451
Ticket online | Ticket.it/Escher
Workshops | didattica@arthemisia.it

ADMISSION
Monday - Friday 10am - 8pm (last admission 7pm)
Saturday - Sunday 10am - 9pm (last admission 8pm)

Special opening hours
1 November 10 am - 9 pm
8 December 10 am – 8 pm
24 December 10 am - 5 pm
25 December 4 pm - 9 pm
26 December 10 am - 9 pm
31 December 10 am - 6 pm
1 January 12 pm - 9 pm
6 January 10 am - 9 pm

TICKETS
- Full price € 13.00 (audio guide included)
- Reduced price € 11.00 (audio guide included)
Senior citizens over 65 years (with valid ID); young people 11-18 years (with valid ID); students under 26 years (with valid ID); forces of law and order and the military with valid ID; Disabled visitors
- Reduced price for Groups € 10.00
booking required, min 15 max 25 pax, miking obligatory
- Reduced price for Children € 5.00 from 4 to 11 years
- Reduced price for Schools € 5.00
booking required min 15 max 25 pax,
- Elementary School € 3.00 (booking required min 15 max 25 pax)
- Special Reduced € 9.00 (audio guide included)
Tourist guides, without a group; Journalists with regular license of the National Order

Free admission for (audio guide included)
- Children under 4
- 1 person accompanying each booked group
- Teachers accompanying students (2 each groups)
- ICOM card holders
- Free admission for the person accompanying the disable visitors
- Arthemisia Group Vip card holders
- Amici del Chiostro del Bramante card holders
- Coupon invitation

Booking fee and advance:
- Groups and individuals € 1.50 each person
- Schools € 1.00 each student

Guided tours (excluding ticket prices, booking required min 15 max 25, miking required)
- Schools € 80.00
- Groups € 100.00
- Foreign Language € 110.00

DIDACTIC SERVICES
- For children from 4 to 11 years
(excluding ticket prices, reservations required min 15 max 25 pax)
- Workshops | Interactive tour € 100.00

MIKING
- Groups € 30.00
- Schools € 15.00
__________________________________

SPECIAL PARTNER
Ricola

TECHNICAL SPONSOR
Media coverage by Sky Arts HD
Curated by Marco Bussagli
Exhibition design and construction Key Communication
Graphic design by Angela Scatigna
Catalog published by Skira
__________________________________

PRESS OFFICE

Arthemisia Group
Adele Della Sala - ads@arthemisia.it - M +39 345 7503572
Anastasia Marsella - am@arthemisia.it - T +39 06 69380306
Giorgia Avaltroni - press@arthemisia.it

Cloister of Bramante
Raffaele Brancato - info@chiostrodelbramante.it - T + 39 06 68809035
Annalisa Esposito - variazioni@chiostrodelbramante.it

Catalog published by Skira
Lucia Crespi - lucia@luciacrespi.it - T +39 02 89415532 - T +39 02 89401645
__________________________________

> GETTING HERE



Gymboree at the Chiostro del Bramante

Gymboree at the Chiostro del Bramante

Music and English with Gymboree at the Chiostro del Bramante

Gymboree Play & Music, The Global Leader in Early Childhood Development Programmes for 0-5s have more than 700 centres in 40 countries around the world and are expanding their selection of courses for young children in the Chiostro del Bramante in the heart of Rome.
These activites, which are conducted in English and in Italian (depending on course and demand), aim to develop children’s physical, cognitive and social skills in a fun and playful setting. Some of the courses also actively involve parents and carers, who can play such a vital role in their children’s development. In the UK, Gymboree has just won the national award, for the fourth year running, for the best activity on offer for pre-school children.

MUSIC | the course aims to explore the foundations of music through singing, movement and age- appropriate instruments. The lessons take children and parents alike on a journey of exploration through a huge variety of styles, from classical music to jazz, and introduces rhythms and melodies from the most remote corners of the world.

ENGLISH SCHOOL SKILLS | learning English is a game with Gymboree! Children build curiosity and self-confidence through art, the discovery of the alphabet and a huge variety of physical and interactive games. The activities used in English School Skills are conducted mainly in English, and encourage communication and co-operation between peers. This allows children to build a solid framework in preparation for future educational and social contexts. In each two hour class, the teachers involve the children in reading English books, in exploring and nurturing their social and emotional skills, and in encouraging communication with their peers in the group. Prepare your child for school and for life with the new “English School Skills” programme from Gymboree! Unlike in the Music course, this programme does not require the presence of parents, apart from during the settling in process which is determined by the teachers. To guarantee the highest-quality lessons, led by two teachers, there is a maximum of 10 children in each group.

GYMBOREE ENGLISH | Gymboree English is an English course for children aged between 3 and 6 years old unaccompanied by a parent. The lessons last for an hour and are based specifically on learning English using fun and interactive activities which include games, art, motor activities, music and lots more! The lessons are based on a specific theme which changes every two weeks and include various activities which reinforce the theme in different ways. Gymboree English helps children to familiarize themselves with the English language and learn words and key concepts in a natural and fun way!

Timings:
- English School Skills* (2 – 5 years) - Monday and Wednesday from 9:30 to 11:30 am
- English School Skills* (2 – 5 years) - Monday and Wednesday from 4:30 pm to 6:30 pm
- Gymboree English (3 – 6 years) - Monday and Wednesday from 5:00 pm alle 6:00 pm
- Music 2/3 (16 months - 5 years) - Thursday from 10:00 am to 10:45 am
- Music 1 (6 - 16 months) - Thursday from 11:00 am to 11:45 am
- Music 2 (16 - 30 months) - Friday from 4:30 pm to 5:15 pm
- Music 3 (30 months - 5 years) - Friday from 5:30 pm to 6:15 pm

- All of the lessons take place on the second floor in the area above the Chiostro’s café.

In addition, if you are interested in taking part in a course of Sensory Baby Play, at the Chiostro, contact us directly. Sensory Baby Play classes offer newborns (0-8 months) new sensory experiences and to give adults ideas as to how to stimulate their children from such a young age. Our lessons provide a whole repertoire of songs and activities tailored especially for young babies which can be replicated at home. Sensory Baby Play lessons include songs, physical activities, puppets, fibre optic lights, bubbles, musical instruments and lots more, all perfectly suitable for babies. In each lesson, following initial group activities, there is an opportunity to explore our “sensory stations”, which include a variety of objects and materials for even the littlest to explore and all have together!

*The classes will start the 22nd October 2014 but there is the chance that they could begin the week before.
The first class will be completely free to any little one who has not yet tried a Gymboree class.

Book a free trial class now at www.gymbo.it!

INFO - BOOKING : e-mail info@gymbo.it | Tel/Mob 328 236 7506 | www.gymbo.it

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Georgia Nuzzo – InLuce

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Georgia Nuzzo – InLuce

Art Photography Studio presenta
InLuce
Mostra fotografica di Georgia Nuzzo


InLuce, seconda mostra personale della fotografa italo-statunitense Georgia Nuzzo, affronta il tema della luce in un percorso sperimentale ed emotivo, rappresentato a fuoco e fuori fuoco in un intreccio di colori, ombre e particolari. InLuce è un viaggio attraverso la luce, alla ricerca delle forme e dei significati che può assumere davanti agli occhi di chi ne viene colpito, è essenza di vita e ordine superiore che guida la realtà delle cose.

I Sedici scatti in mostra compongono un vero e proprio gioco di illusioni ottiche e dettagli rivelatori di una percezione della materia e della realtà multiforme, soggettiva e interpretabile soltanto nelle tonalità e nei riflessi della luce.

L'osservatore è guidato da un insieme di sensazioni, atmosfere e colori diversi: dai toni Pop ritratti nell'opera InMoto a quelli baroccheggianti di InCanto, dal multi cromatismo di InColore, InCandescente e InAttesa ai toni crepuscolari di InLuce e di IN, sino al caos metropolitano di InSomnia. La luce intrappolata nel viver quotidiano e manifestazione stessa dell'essere. Georgia Nuzzo ha reinterpretato in astratto luoghi e viaggi a lei cari, soffermandosi su dettagli ed attimi di vita vissuta attraverso un approccio metafisico che unisce la sfera dell'Io con il mondo esterno tramite le declinazioni della luce.

INFO | http://www.georgianuzzo.com/


__________________________________


IL METAFORMISMO

IL METAFORMISMO

Dart è lieta di ospitare nei prestigiosi spazi espositivi del Chiostro del Bramante la Rassegna del Metaformismo, che presenta 60 opere di arte Contemporanea Italiana, nella specialità pittorica e plastica, con un catalogo edito dall’Editoriale Giorgio Mondadori.

ILMETAFORMISMO ©2010 - è un codice di lettura che propone di interpretare i messaggi artistici dell’astrattismo contemporaneo attraverso le forme espressive che lo caratterizzano: sinora si è sempre confuso il concetto di figura con quello di forma, sostiene Giulia Sillato. Il fatto che nell’arte astratta non ci siano figure non vuol dire che non ci sono forme e saranno proprio queste, una volta individuate e riconosciute, a guidare l’osservatore nella giungla di segni e colori che l’ha sempre resa incomprensibile. Dal 2010, anno in cui dopo un lungo periodo di verifica viene definitivamente formulata la teoria del Metaformismo, il nuovo titolo si affianca a quello del consolidato ciclo itinerante “L’arte Contemporanea nelle antiche dimore”, a sua volta Copyrith del 1994.

GLI ARTISTI - provenienti da ogni regione d’Italia, hanno già raggiunto da tempo livelli riconosciuti di vera professionalità artistica. Di seguito l’elenco dei partecipanti in ordine alfabetico: Gennaro Barci, Pietra Barrasso, Emilio Belotti, Natalia Berselli, Martino Brivio, Fabio Cicuto, Adriana Collovati, Rosetta D’Alessandro, Daniele Bruno, Enzo Devastato, Emanuela Franchin, Massimo Fumanti, Dino Maccini, Saverio Magno, Pier Domenico Magri, Claudio Massimi, Carmine Mastronicola, Fiamma Morelli, Chiara Müller, Salvo Nicotra, Rita Paola, Osvalda Pucci, Carla Rigato, Maurizio Rinaudo, Rosa Spina, Fedora Spinelli, Alessandro Trani, Marco Tulipani.

L’IDEATRICE E CURATRICE - Giulia Sillato, storico dell’arte di scuola longhiana, dopo trent’anni di docenza di storia dell’arte in Accademie e Istituti artistici di Verona, oggi fa parte del Comitato Scientifico del Catalogo dell’Arte Moderna dell’Editoriale Giorgio Mondadori ed è Presidente di Artis Recensio Associazione per la Divulgazione e il Sostegno del Patrimonio Artistico Nazionale. Al suo attivo, vent’anni di eventi esclusivi celebrati nei siti museali più importanti d’Italia con correlate pubblicazioni catalografiche.

Presentazione mostra Giovedì 19 giugno 2014 ore 17.30
Interverranno Giulia Sillato e Carlo Motta


INFO | T. 06 68809035-36 - artisrecensio@tin.it
www.ilmetaformismo.it

__________________________________



__________________________________


Gallery Accomodation LOFT 17

Gallery Accomodation LOFT 20

Gallery Accomodation LOFT 19

Gallery Accomodation LOFT 18

Gallery Accomodation LOFT 16

Gallery Accomodation LOFT 15

Gallery Accomodation Le Campane 13

Gallery Accomodation La Torretta 28

Gallery Accomodation La Torretta 27

Gallery Accomodation La Torretta 25

Gallery Accomodation La Torretta 26

Gallery Accomodation La Torretta 24

Gallery Accomodation Le Campane 12

Gallery Accomodation La Torretta 23

Gallery Accomodation La Torretta 22

Gallerie del Chiostro del Bramante | TOMMY OHIRA

Gallerie del Chiostro del Bramante | TOMMY OHIRA

First exhibition in Rome of the japanese artist TOMMY Ohira. The exhibition tells the whole evolution of the artist through a guided tour of her pictures and videos more meaningful.

Tommy Ohira is an artist living in the town of Gifu in Japan : "I create illustrations for story books, fairy tales, novels, short stories and manga (Japanese animation) and I also paint. All the characters that are portrayed in my illustrations are very friendly and filled with love"

INFO | https://www.facebook.com/tommyohira.world
Tel/Mob | (+39) 339 4912222

__________________________________



__________________________________


Caffetteria del Chiostro del Bramante | Marco Arduini.Oltre il cielo

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Marco Arduini.Oltre il cielo

Dal 13 maggio al 30 giugno 2014, presso lo spazio Caffetteria del Chiostro del Bramante, Marco Arduini racconta le Reggiane. L’esposizione, OLTRE IL CIELO – Il linguaggio grafico pittorico racconta le Reggiane, propone opere dell’artista Marco Arduini, realizzate a tecnica mista su tela, copertine antiche e cartine d’epoca. I soggetti di riferiscono a immagini storiche provenienti dall’Archivio Digitale Reggiane dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Il progetto, ideato da Massimo Tassi in collaborazione con l'Archivio digitale Reggiane, è curato da Adriano Riatti.

Marco Arduini, classe 1959, e’ pittore e incisore. La sua formazione artistica avviene all'Istituto d'Arte "G.Chierici" di Reggio Emilia. Attualmente lavora su tavola, tela e carta antica. La sua ricerca, di matrice figurativa, presenta chiari riferimenti alla Pop Art americana,ed in particolare all’artista Tom Wesselman (da articolo di Camillo Langone sul Foglio 2011). Esperienze rivisitate nei “Racconti di Viaggio” degli anni 60-70, ambientati anche nell’attualità. Usa tempera e acrilico, ottenendo dipinti di forte impatto emotivo e cromatico. Nelle carte antiche, molte delle quali datate 1800 si snodano racconti realistici, con piloti, macchine da corsa e aerei, che ritroviamo anche nelle incisioni. Ha ottenuto diversi riconoscimenti, come il Premio Arte Mondadori (finalista nel 2010) a Milano. Ha esposto alla 54° Biennale di Venezia – Padiglione Italia – Emilia Romagna (Reggio Emilia Chiostri di S.Pietro) nel 2011.

INFO | 0039. 339 44 25 816

__________________________________



__________________________________


Social Network: Follow the Cloister of Bramante

Social Network: Follow the Cloister of Bramante

Follow Us!

TWITTER http://twitter.com/ChiostroDelBram

FACEBOOK http://www.facebook.com/ChiostroDelBramante

YOUTUBE http://www.youtube.com/user/chiostrodelbramante

PINTEREST http://pinterest.com/chiostrodelbram

GOOGLE+ http://plus.google.com/+chiostrodelbramante

Gallery Accomodation LOFT 14

Gallery Accomodation LOFT 13

Gallery Accomodation LOFT 12

Gallery Accomodation LOFT 10

Gallery Accomodation LOFT 11

Gallery Accomodation LOFT 09

Gallery Accomodation Le Campane 10

STORE-GALLERY-2014-7

STORE-GALLERY-2014-4

STORE-GALLERY-2014-6

STORE-GALLERY-2014-3

STORE-GALLERY-2014-2

STORE-GALLERY-2014-1

bookshop-pic-15

bookshop-pic-14

bookshop-pic-13

bookshop-pic-12

bookshop-pic-11

bookshop-pic-10

bookshop-pic-09

bookshop-pic-08

booshop-pic-07

booshop-pic-06

booshop-pic-05

booshop-pic-04

booshop-pic-03

booshop-pic-01

booshop-pic-02

booshop-pic-00

Gallery Accomodation LOFT 06

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Marisa Coppiano. Niente è come sembra

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Marisa Coppiano. Niente è come sembra

Dal 15 Aprile al 12 maggio lo spazio Caffetteria del Chiostro del Bramante ospita le opere di Marisa Coppiano, vere e proprie 'finestre' su un mondo onirico per ricordare al visitatore che "Niente è come sembra". Una personale dell'artista torinese dalle tonalità apparentemente leggere ma al contempo sottilmente inquietanti.

Piccole, colorate partiture su carta per dare vita a un inno alla femminilità, descritta nelle sue diverse sfaccettature. L'universo pittorico di Marisa Coppiano attinge alle cronache distillate da riviste e quotidiani, da cui minuziosamente ritaglia personaggi, oggetti o semplici colori. Teso a raccontare pensieri ed emozioni più che situazioni reali il suo è un linguaggio costruito utilizzando con attenzione le possibilità espressive del collage e focalizzando l'attenzione sul femminile. Il risultato avvicina il fruitore a un'esperienza onirica dove i protagonisti fluttuano in atmosfere capaci di ricreare situazioni e sensazioni vissute. Nei suoi collage l'artista si riappropria della cultura figurativa contemporanea a cui si ispira per decodificarla e trasporla sul foglio con una nuova grammatica di segni e di stereotipi, interpretando il mondo femminile o riscoprendo nei nuovi ritratti un alter ego alla propria immagine.

«I miei collages sono un elogio alla lentezza e nascono dall’esigenza di trovare “una stanza per sé”, in un mondo che imprime ritmi pressanti.. Una stanza ove si possa esercitare senza alcuna remora il “libero arbitrio”. Sono pensieri a briglie sciolte, che si traducono in visioni; talvolta sogni trasferiti sulla carta con la carta; riflessioni su tematiche a me profondamente vicine; traduzioni in immagini di accadimenti personali, talora intimi, talvolta perfino indecenti nella loro privatezza.

E’ come se con i collage aprissi per un attimo cassetti molto segreti, scatole riposte sul loro fondo e ne tirassi fuori a poco a poco fili che avevo io stessa dimenticato o volutamente seppellito nel caos della quotidianità
»
Marisa Coppiano

INFO | marisacoppiano@n4studio.it

__________________________________



__________________________________


Caffetteria del Chiostro del Bramante | Carlo Prati. Alien Urbs

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Carlo Prati. Alien Urbs

Dall’11 marzo al 14 aprile 2014 lo spazio Caffetteria Bistrot Chiostro del Bramante presenta “Carlo Prati – Alien Urbs” : 20 opere in parte inedite ottenute da collage digitali realizzate dall'autore dal 2008 ad oggi. L'esposizione ‘mette in scena’ un viaggio ideale e visionario attraverso una possibile Roma futura su cui convergono molteplici istanze e temi propri della contemporaneità e delle sue derive. Dalle piazze storiche del centro a cui sono dedicate 6 opere speciali ad un omaggio all'architettura del Bramante attraverso una particolare interpretazione del "tempietto" a San Pietro in Montorio, percorrendo un itinerario ideale che attraversa le periferie (astronavi e razzi orbitanti tra Tor Bella Monaca e la Via Prenestina) e muove fin verso il mare, a Ostia e alle dune di Capocotta archetipi assoluti del rapporto tra la città eterna e il Mediterraneo. La mostra è curata da Giorgio de Finis ed è accompagnata da un libro-catalogo in cui sono raccolte le opere in esposizione e i racconti di Carlo Prati che ne costituiscono l'ideale prosecuzione e compendio.

«Una Roma che si veste da megalopoli asiatica, la Roma a macchia di leopardo delle immense periferie e del nuovo fronte della città, la Roma dei migranti e dell’emergenza abitativa, della lottizzazione selvaggia, degli scandali dei Mondiali di Nuoto. La Roma Capitale dell’amministrazione Alemanno. Una Roma piena di astronavi, quella di ‘Alienlog’, ma non per questo meno reale. Alien URBS sceglie il linguaggio della fantascienza per raccontare e provocare questa città. La città che ha visto tutto e che nulla riesce a scuotere. Ma che in verità, al di là di questa indifferenza di facciata, ci appare ogni giorno più sofferente, rabbiosa e inospitale»
Giorgio de Finis


INFO | http://www.carloprati.com | http://alienlog.wordpress.com
Alienlog community | https://www.facebook.com/logalieno
Sponsor | Digicad http://www.digicad.it


__________________________________


ALMA-TADEMA AND THE BRITISH PAINTERS OF THE 19th CENTURY. THE PEREZ SIMON COLLECTION

ALMA-TADEMA AND THE BRITISH PAINTERS OF THE 19th CENTURY. THE PEREZ SIMON COLLECTION

It is neither a coincidence not insignificant that Oscar Wilde should have first won fame and popularity by holding lectures on the Aesthetic Movement in bigoted Victorian London. The more the nobility withdrew to manor houses crammed with Canalettos, the more the newly rich middle classes of what was becoming the world’s leading power rushed to buy the work of painters like Sir Lawrence Alma-Tadema, Edward Burne-Jones, John William Godward, Arthur Hughes and Albert Moore and furnished their houses in accordance with the dictates of the new taste. In short, they set out to blaze their own trail and forge an identity free from the cobwebs of Queen Victoria’s puritanical Great Britain.

Time’s pendulum then swung one way and these works were consigned by art and the world to the scrapheap and oblivion, the frames prized more than the paintings themselves. Now it has swung back, however, to redress the balance and what was once despised and discarded has found new champions and admirers, including the Mexican patron of the arts Juan Antonio Pérez Simón and the renowned composer of musicals Sir Andrew Lloyd Webber. The Pérez Simón Collection is the source of the fifty magnificent works to be seen in the Chiostro del Bramante in Alma-Tadema and the British Painters of the 19th Century, a touring exhibition curated by Véronique Gerard-Powell that has already enjoyed great success in Paris and will move to Madrid after Rome.

From 16 February to 5 June 2014 visitors will be able to revisit or discover the world created by the fathers of the Aesthetic Movement, sharing similar characteristics but each with his own personality, cherished themes and highly personal style. From the Pre-Raphaelite fathers Millais and Rossetti to the slightly younger Burne-Jones and the genius of Alma-Tadema with his depictions of the world of imperial Rome and ancient Greece, a source of inspiration for mythological films until the 1970s. Sir Frederic Leighton, purely academic in the best sense of the term, combining mythology and deep introspection in works like the magnificent Antigone, which will mesmerize the visitor. John William Waterhouse, the painter of The Crystal Ball, who combined the Pre-Raphaelite style with Impressionism in enchanting Symbolist depictions of Celtic legends and British fairytales.

The canvases exhibited draw upon mythology, like Leighton’s splendid Crenaia, Nymph of the Dargle, medieval times and Shakespeare as well as apparently mundane scenes transformed into visions of enigmatic beauty, like Arthur Hughes’s A Passing Cloud. Ancient history attains its apotheosis as legend in works like Alma-Tadema’s masterpiece The Roses of Heliogabalus, a huge canvas exhibited at the Royal Academy in 1888 and inspired both by the Augustan History and above all by Huysmans, the author of À rebours, a novel that made a great impression on a whole generation of writers including Oscar Wilde, Gabriele D’Annunzio and Marcel Proust. The canvas shows the cruel Roman emperor of Syrian origin smothering his guests in a cascade of rose petals. Decadent and highly accurate at the same time, the depiction of the banqueting hall is based on a description by Gibbon, the statue of Bacchus in the background is the one in the Vatican Museums, and the roses are painted with painstaking skill and patience.

Women are the focal point of every painting by every artist: muses, models, femmes fatales, amorous heroines, witches, enchantresses and princesses, angelical beings that can become diabolical, salvation that can turn into temptation. Women are indeed the primary subject matter of the Aesthetic Movement. In the works of these artists the female body is no longer captive as in everyday life but stripped bare to symbolize a form of carnal delight. The sublime, lascivious, sensual figures are all heroines of antiquity and medieval times portrayed in the setting of luxuriant nature and sumptuous palaces. The context is neither imaginary nor drawn from classical literature, as the painters journeyed through Italy, Greece and the East and took great care over their depictions of Egyptian temples, Greek landscapes and Persian bas-reliefs to serve as backgrounds of reinvented everyday life for celebrated historical episodes. Their travels were often financed by patrons like the civil engineering contractor and Tory member of parliament John Aird, who bought The Roses of Heliogabalus from Alma Tadema and was so pleased with it that he took the painter with him on a trip to Egypt.

These patrons from the solid middle classes of Liverpool, Manchester and Birmingham, who owed their newly accumulated wealth to factories and shipping, were eager for scenes of classical antiquity, meticulously reconstructed through repeated visits to the British Museum, and female nudes, supposedly chaste and therefore permissible in puritanical Victorian times, but clearly quite the contrary. Leighton’s Crenaia is indeed just as sensual as Klimt’s Judith. Fate is fickle, however, and these painters came to be despised. As the curator Véronique Gerard-Powell observes, “Few periods have suffered so much from the anathemas of taste”. Those with flair and the courage to buck the prevailing trend can even profit from these anathemas, however, as in the case of the Mexican industrialist and patron of the arts Pérez Simón. The “crazy” passion for art that prompted him some twenty-five years ago to invest huge sums in the purchase of paintings has resulted in one of the most important private collections in Latin America. While backing sure-fire winners with Rubens and Bronzino, he has also followed his heart in the case of works still to be rehabilitated by the critics, such as those of the Aesthetic Movement. His passion is a love not only for sophisticated painting but also for beauty, and who can offer a more exquisite combination of both than the artists on display here?

The exhibition is a Culturespaces project produced under the patronage of Roma Capitale in collaboration with the Musée Jacquemart-André, the Chiostro del Bramante and the Museo Thyssen Bornemisza, with support from the JAPS Foundation, produced and organized by Dart - Chiostro del Bramante and the Arthemisia Group.

The next stage of the exhibition after Rome will be at the Museo Thyssen-Bornemisza in Madrid from 23 June to 5 October 2014.
__________________________________

INFO - BOOKING | T: (+39) 06916508451
Ticket online | www.ticket.it/almatadema
Workshops | didattica@arthemisia.it

ADMISSION
Monday - Friday 10am - 8pm (last admission 7pm)
Saturday - Sunday 10am - 9pm (last admission 8pm)

Special opening hours
20 April 10 am – 9 pm
21 April 10 am – 8 pm
25 April 10 am – 8 pm
1 May 10 am – 8 pm
2 June 10 am – 8 pm

TICKETS
- Full price € 13.00 (audio guide included)
- Reduced € 11.00 (audio guide included)
65 years (with valid ID); guys from 11 to 18 years; students under 26 years (with valid ID); forces of law and order and the military with valid ID; disabled
- Reduced price for Groups € 10.00
booking required, min 15 max 25 pax, miking obligatory
- Reduced price for Children € 5.00 from 4 to 11 years
- Reduced price for Schools € 5.00
booking required min 15 max 25 pax,
- Elementary School € 3.00 (booking required min 15 max 25 pax)
- Special Reduced € 9.00 (audio guide included)
Tourist guides, without a group; Journalists with a valid press card (professionals, practitioners, freelance)

Free admission for (audio guide included)
- Children under 4 years
- 1 person accompanying each booked group
- Teachers accompanying students (2 each groups)
- ICOM card holders
- Free admission for the person accompanying the disable
- Arthemisia Group Vip card holders
- Amici del Chiostro del Bramante card holders
- Coupon invitation

Booking fee and advance:
- Groups and individuals € 1,50 each person
- Schools € 1,00 each student

Guided tours (excluding ticket prices, booking required min 15 max 25, miking required)
- Schools - € 80.00
- Groups € 100.00
- Foreign Language € 110.00

DIDACTIC SERVICES
- For children from 4 to 11 years
(excluding ticket prices, reservations required min 15 max 25 pax)
- Workshops | Interactive tour € 100.00

MIKING
- Groups € 30.00
- Schools € 15.00
__________________________________

PRESS OFFICE

Arthemisia Group
Adele Della Sala - ads@arthemisia.it - M +39 345 7503572
Anastasia Marsella - am@arthemisia.it - T +39 06 69380306
Barbara Notaro Dietrich | b.notarodietrich@gmail.com | M +39 348 7946585

Cloister of Bramante
Raffaele Brancato - info@chiostrodelbramante.it - T + 39 06 68809035
Annalisa Esposito - variazioni@chiostrodelbramante.it

Catalog published by Silvana Editore
Lidia Masolini - press@silvanaeditoriale.it - T + 39 02 61836287

Press material can be downloaded from http://bit.ly/1bycF3P


__________________________________


Gallery Accomodation LOFT 04

Gallery Accomodation La Torretta 21

Gallery Accomodation La Torretta 20

Gallery Accomodation La Torretta 13

Gallery Accomodation La Torretta 11

Gallery Accomodation La Torretta 12

Gallery Accomodation La Torretta 17

Gallery Accomodation La Torretta 18

Gallery Accomodation La Torretta 16

Gallery Accomodation La Torretta 15

Gallery Accomodation La Torretta 14

Gallery Accomodation La Torretta 10

Gallery Accomodation La Torretta 08

Gallery Accomodation La Torretta 07

Gallery Accomodation La Torretta 06

Gallery Accomodation La Torretta 09

Gallery Accomodation La Torretta 05

Gallery Accomodation La Torretta 04

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Sante Muro. Viaggio nella Città

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Sante Muro. Viaggio nella Città

Si inaugura martedì 11 febbraio alle ore 17.00 presso la Caffetteria del Chiostro del Bramante, la mostra personale di Sante Muro a cura di Antonietta Campilongo. Viaggio nella Città è il titolo della rassegna. L’esposizione sarà visibile fino all’11 marzo 2014.

La mostra allestita negli spazi della caffetteria del Chiostro del Bramante a Roma, propone attraverso le opere dell’artista Sante Muro, il tema del viaggio. L’artista presenta attraverso i suoi più recenti lavori pittorici, una mappa emozionale delle città vissute, condivise o semplicemente attraversate. Il viaggio spiega l’artista è stato preziosa fonte d’ispirazione, generando un percorso per immagini, che ricostruisce le tappe più significative.

Le opere di Sante Muro non forniscono vedute complete della metropoli; rappresentano il ricordo di un viaggio, nel tempo e nello spazio, alla ricerca del significato perduto, mostrano la necessità di ristabilire una relazione. Una coniugazione di sensibilità poetica e di razionalità, su cui s’innesta il ciclo delle sollecitazioni personali e dei luoghi contemplati. Un sistema dai confini labili che si misura sul valore del limite, inteso come margine ma anche come punto di fusione e integrazione fra le parti.

Una ricerca dei luoghi attraverso l’elemento cromatico e il tratto al di là dell’immagine stessa rappresentata, non dipinge un luogo simbolo ma una percezione, una memoria, una visione collegata a quel luogo, un ritratto sul quale riflettersi.

INFO | anto.camp@fastwebnet.it | T. 339 4394399 – 06/68809035
www.nwart.it | www.santemuro.it

__________________________________



__________________________________


Gallery Accomodation LOFT 07

Gallery Accomodation Le Campane 05

"Davide Querin - Trasparenze Alchemiche"
Caffetteria Bistrot Chiostro del Bramante
dal 19.05 al 22.06.2015
Ingresso Gratuito tutti i giorni h 10.00/20.00
INFO: Tel +39 06/68809035 | info@chiostrodelbramante.it

Mario Ceppi - Je suis allé au Marché aux fleur
Caffetteria Bistrot Chiostro del Bramante
dal 14 aprile al 18 maggio 2015
Ingresso Gratuito – Loggiato superiore

CHAGALL. LOVE AND LIFE
Mach 16 - July 26, 2015
by Ronit Sorek
Rome, Cloister of Bramante

EXHIBITION OPENING Monday, March 16 h. 15:00

OPENING
Every day from 10.00 am to 08.00 pm
Saturday and Sunday from 10:00 am to 09:00 pm
(ticket office closes one hour earlier)

INFOLINE T 06916508451

SPECIAL OPENINGS
- April 5, 10:00 am to 09:00 pm
- April 6, 10:00 am to 08:00 pm
- April 25, 10:00 am to 08:00 pm
- May 1, 10:00 am to 08:00 pm
- June 2, 10:00 am to 08:00 pm
- June 29, 10:00 am to 08:00 pm

POP by POP – Eugenio Rattà
Caffetteria Bistrot Chiostro del Bramante
dal 10 marzo al 13 aprile 2015
Ingresso Gratuito – Loggiato superiore
INFO: Tel +39 06/68809035
info@chiostrodelbramante.it

Veronica Schelini, “Papiers d' époque – Volti di oggi su parole di ieri”
Caffetteria Bistrot Chiostro del Bramante
dal 3 Febbraio - al 9 Marzo 2015
Ingresso Gratuito – Loggiato superiore
INFO: Tel +39 06/68809035 | info@chiostrodelbramante.it

Simone Domeniconi - La vita come una scacchiera
Gallerie del Chiostro del Bramante
dal 17 gennaio al 15 febbraio 2015
INFO: Tel +39 06/68809035 | info@chiostrodelbramante.it

Chiara Balduzzi - Colori… perché del mio respiro
Caffetteria Bistrot Chiostro del Bramante
dal 16 Dicembre 2014 al 19 Gennaio 2015
Ingresso Gratuito – Loggiato superiore
INFO: Tel +39 06/68809035 | info@chiostrodelbramante.it

Walter Lazzaro – Lo stupore del silenzio
Gallerie del Chiostro del Bramante
dal 10 Dicembre 2014 all’11 Gennaio 2015
INFO: +39 06/68809035 | info@chiostrodelbramante.it

LAST PARADISE
Sala delle Capriate – Chiostro del Bramante
dal 21 novembre al 3 dicembre 2014
Ingresso Gratuito – Loggiato superiore
Aperta tutti i giorni dalle 11.00 alle 18.00 [escluso il Lunedì]

Massimo Pennacchini – Storie di tango
Caffetteria Bistrot Chiostro del Bramante
Dal 18 novembre al 15 dicembre 2014
Ingresso Gratuito – Loggiato superiore
Aperta tutti i giorni

Memorie di natura, miti e geometrie
Gallerie del Chiostro del Bramante
dall’8 novembre al 6 dicembre 2014
Aperta tutti i giorni [escluso il Lunedì]
dalle 11.00 alle 18.00

Urban Portraits – Old&New
Caffetteria Bistrot Chiostro del Bramante

Dal 14 ottobre al 16 novembre 2014
Ingresso Gratuito – Loggiato superiore
INFO: Tel +39 06/68809035
info@chiostrodelbramante.it

Nino Tirinnanzi – Meraviglie di natura
Gallerie del Chiostro del Bramante
dal 4 Ottobre al 2 Novembre 2014

Dal Martedì alla Domenica
h. 11.00/18.00

INFO: Tel +39 06/68809035
info@chiostrodelbramante.it

ESCHER
curated by Marco Bussagli
20 September 2014 – 22 February 2015
Chiostro del Bramante, Rome

INFO | T: (+39) 06916508451

Georgia Nuzzo – InLuce
Dall’8 Settembre al 13 Ottobre 2014
Spazio Caffetteria Bistrot Chiostro del Bramante
Loggiato superiore
Ingresso Gratuito
INFO: Tel +39 06/68809035
info@chiostrodelbramante.it

IL METAFORMISMO
L’Arte Contemporanea nelle antiche dimore


Presentazione mostra Giovedì 19 giugno 2014 ore 17.30
Interverranno Giulia Sillato e Carlo Motta

20 giugno - 20 luglio 2014
Roma, Chiostro del Bramante
Aperta tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00, Ingresso Libero

INFO | artisrecensio@tin.it

TOMMY OHIRA
Galleries of the Cloister of Bramante
20 to 25 May 2014
From Tuesday to Sunday
h. 10.00 am / 07.00 pm
INFO: Tel +39 06 / 68809035
info@chiostrodelbramante.it

MARCO ARDUINI - OLTRE IL CIELO
dal 13 Maggio al 30 Giugno 2014

Caffetteria del Chiostro del Bramante
Loggiato superiore
Ingresso Gratuito
INFO: Tel +39 06/68809035
info@chiostrodelbramante.it

Marisa Coppiano. Niente è come sembra
dal 15 aprile al 12 maggio 2014

Caffetteria del Chiostro del Bramante
Loggiato superiore

Ingresso Gratuito
INFO: Tel +39 06/68809035
info@chiostrodelbramante.it

Carlo Prati. Alien Urbs
dal l’ 11 marzo al 14 aprile 2014

Caffetteria del Chiostro del Bramante
Loggiato superiore

Ingresso Gratuito
INFO: Tel +39 06/68809035
info@chiostrodelbramante.it

Alma-Tadema and the British Painters of the 19th Century. The Pérez Simón Collection

16 February 2014 – 5 June 2014
Rome, Chiostro del Bramante

INFO - BOOKING | T [0039] 06 916 508 451

Sante Muro. Viaggio nella Città
11 Febbraio - 11 Marzo 2014

Caffetteria del Chiostro del Bramante
Loggiato superiore

Ingresso Gratuito
INFO: Tel +39 06/68809035
info@chiostrodelbramante.it