Caffetteria del Chiostro del Bramante | Marisa Coppiano. Niente è come sembra

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Marisa Coppiano. Niente è come sembra

from 15/04/2014 to 12/05/2014

Dal 15 Aprile al 12 maggio lo spazio Caffetteria del Chiostro del Bramante ospita le opere di Marisa Coppiano, vere e proprie 'finestre' su un mondo onirico per ricordare al visitatore che "Niente è come sembra". Una personale dell'artista torinese dalle tonalità apparentemente leggere ma al contempo sottilmente inquietanti.

Piccole, colorate partiture su carta per dare vita a un inno alla femminilità, descritta nelle sue diverse sfaccettature. L'universo pittorico di Marisa Coppiano attinge alle cronache distillate da riviste e quotidiani, da cui minuziosamente ritaglia personaggi, oggetti o semplici colori. Teso a raccontare pensieri ed emozioni più che situazioni reali il suo è un linguaggio costruito utilizzando con attenzione le possibilità espressive del collage e focalizzando l'attenzione sul femminile. Il risultato avvicina il fruitore a un'esperienza onirica dove i protagonisti fluttuano in atmosfere capaci di ricreare situazioni e sensazioni vissute. Nei suoi collage l'artista si riappropria della cultura figurativa contemporanea a cui si ispira per decodificarla e trasporla sul foglio con una nuova grammatica di segni e di stereotipi, interpretando il mondo femminile o riscoprendo nei nuovi ritratti un alter ego alla propria immagine.

«I miei collages sono un elogio alla lentezza e nascono dall’esigenza di trovare “una stanza per sé”, in un mondo che imprime ritmi pressanti.. Una stanza ove si possa esercitare senza alcuna remora il “libero arbitrio”. Sono pensieri a briglie sciolte, che si traducono in visioni; talvolta sogni trasferiti sulla carta con la carta; riflessioni su tematiche a me profondamente vicine; traduzioni in immagini di accadimenti personali, talora intimi, talvolta perfino indecenti nella loro privatezza.

E’ come se con i collage aprissi per un attimo cassetti molto segreti, scatole riposte sul loro fondo e ne tirassi fuori a poco a poco fili che avevo io stessa dimenticato o volutamente seppellito nel caos della quotidianità
»
Marisa Coppiano

INFO | marisacoppiano@n4studio.it

__________________________________



__________________________________


Caffetteria del Chiostro del Bramante | Carlo Prati. Alien Urbs

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Carlo Prati. Alien Urbs

Dall’11 marzo al 14 aprile 2014 lo spazio Caffetteria Bistrot Chiostro del Bramante presenta “Carlo Prati – Alien Urbs” : 20 opere in parte inedite ottenute da collage digitali realizzate dall'autore dal 2008 ad oggi. L'esposizione ‘mette in scena’ un viaggio ideale e visionario attraverso una possibile Roma futura su cui convergono molteplici istanze e temi propri della contemporaneità e delle sue derive. Dalle piazze storiche del centro a cui sono dedicate 6 opere speciali ad un omaggio all'architettura del Bramante attraverso una particolare interpretazione del "tempietto" a San Pietro in Montorio, percorrendo un itinerario ideale che attraversa le periferie (astronavi e razzi orbitanti tra Tor Bella Monaca e la Via Prenestina) e muove fin verso il mare, a Ostia e alle dune di Capocotta archetipi assoluti del rapporto tra la città eterna e il Mediterraneo. La mostra è curata da Giorgio de Finis ed è accompagnata da un libro-catalogo in cui sono raccolte le opere in esposizione e i racconti di Carlo Prati che ne costituiscono l'ideale prosecuzione e compendio.

«Una Roma che si veste da megalopoli asiatica, la Roma a macchia di leopardo delle immense periferie e del nuovo fronte della città, la Roma dei migranti e dell’emergenza abitativa, della lottizzazione selvaggia, degli scandali dei Mondiali di Nuoto. La Roma Capitale dell’amministrazione Alemanno. Una Roma piena di astronavi, quella di ‘Alienlog’, ma non per questo meno reale. Alien URBS sceglie il linguaggio della fantascienza per raccontare e provocare questa città. La città che ha visto tutto e che nulla riesce a scuotere. Ma che in verità, al di là di questa indifferenza di facciata, ci appare ogni giorno più sofferente, rabbiosa e inospitale»
Giorgio de Finis


INFO | http://www.carloprati.com | http://alienlog.wordpress.com
Alienlog community | https://www.facebook.com/logalieno
Sponsor | Digicad http://www.digicad.it


__________________________________


ALMA-TADEMA AND THE BRITISH PAINTERS OF THE 19th CENTURY. THE PEREZ SIMON COLLECTION

ALMA-TADEMA AND THE BRITISH PAINTERS OF THE 19th CENTURY. THE PEREZ SIMON COLLECTION

from 16/02/2014 to 5/06/2014

It is neither a coincidence not insignificant that Oscar Wilde should have first won fame and popularity by holding lectures on the Aesthetic Movement in bigoted Victorian London. The more the nobility withdrew to manor houses crammed with Canalettos, the more the newly rich middle classes of what was becoming the world’s leading power rushed to buy the work of painters like Sir Lawrence Alma-Tadema, Edward Burne-Jones, John William Godward, Arthur Hughes and Albert Moore and furnished their houses in accordance with the dictates of the new taste. In short, they set out to blaze their own trail and forge an identity free from the cobwebs of Queen Victoria’s puritanical Great Britain.

Time’s pendulum then swung one way and these works were consigned by art and the world to the scrapheap and oblivion, the frames prized more than the paintings themselves. Now it has swung back, however, to redress the balance and what was once despised and discarded has found new champions and admirers, including the Mexican patron of the arts Juan Antonio Pérez Simón and the renowned composer of musicals Sir Andrew Lloyd Webber. The Pérez Simón Collection is the source of the fifty magnificent works to be seen in the Chiostro del Bramante in Alma-Tadema and the British Painters of the 19th Century, a touring exhibition curated by Véronique Gerard-Powell that has already enjoyed great success in Paris and will move to Madrid after Rome.

From 16 February to 5 June 2014 visitors will be able to revisit or discover the world created by the fathers of the Aesthetic Movement, sharing similar characteristics but each with his own personality, cherished themes and highly personal style. From the Pre-Raphaelite fathers Millais and Rossetti to the slightly younger Burne-Jones and the genius of Alma-Tadema with his depictions of the world of imperial Rome and ancient Greece, a source of inspiration for mythological films until the 1970s. Sir Frederic Leighton, purely academic in the best sense of the term, combining mythology and deep introspection in works like the magnificent Antigone, which will mesmerize the visitor. John William Waterhouse, the painter of The Crystal Ball, who combined the Pre-Raphaelite style with Impressionism in enchanting Symbolist depictions of Celtic legends and British fairytales.

The canvases exhibited draw upon mythology, like Leighton’s splendid Crenaia, Nymph of the Dargle, medieval times and Shakespeare as well as apparently mundane scenes transformed into visions of enigmatic beauty, like Arthur Hughes’s A Passing Cloud. Ancient history attains its apotheosis as legend in works like Alma-Tadema’s masterpiece The Roses of Heliogabalus, a huge canvas exhibited at the Royal Academy in 1888 and inspired both by the Augustan History and above all by Huysmans, the author of À rebours, a novel that made a great impression on a whole generation of writers including Oscar Wilde, Gabriele D’Annunzio and Marcel Proust. The canvas shows the cruel Roman emperor of Syrian origin smothering his guests in a cascade of rose petals. Decadent and highly accurate at the same time, the depiction of the banqueting hall is based on a description by Gibbon, the statue of Bacchus in the background is the one in the Vatican Museums, and the roses are painted with painstaking skill and patience.

Women are the focal point of every painting by every artist: muses, models, femmes fatales, amorous heroines, witches, enchantresses and princesses, angelical beings that can become diabolical, salvation that can turn into temptation. Women are indeed the primary subject matter of the Aesthetic Movement. In the works of these artists the female body is no longer captive as in everyday life but stripped bare to symbolize a form of carnal delight. The sublime, lascivious, sensual figures are all heroines of antiquity and medieval times portrayed in the setting of luxuriant nature and sumptuous palaces. The context is neither imaginary nor drawn from classical literature, as the painters journeyed through Italy, Greece and the East and took great care over their depictions of Egyptian temples, Greek landscapes and Persian bas-reliefs to serve as backgrounds of reinvented everyday life for celebrated historical episodes. Their travels were often financed by patrons like the civil engineering contractor and Tory member of parliament John Aird, who bought The Roses of Heliogabalus from Alma Tadema and was so pleased with it that he took the painter with him on a trip to Egypt.

These patrons from the solid middle classes of Liverpool, Manchester and Birmingham, who owed their newly accumulated wealth to factories and shipping, were eager for scenes of classical antiquity, meticulously reconstructed through repeated visits to the British Museum, and female nudes, supposedly chaste and therefore permissible in puritanical Victorian times, but clearly quite the contrary. Leighton’s Crenaia is indeed just as sensual as Klimt’s Judith. Fate is fickle, however, and these painters came to be despised. As the curator Véronique Gerard-Powell observes, “Few periods have suffered so much from the anathemas of taste”. Those with flair and the courage to buck the prevailing trend can even profit from these anathemas, however, as in the case of the Mexican industrialist and patron of the arts Pérez Simón. The “crazy” passion for art that prompted him some twenty-five years ago to invest huge sums in the purchase of paintings has resulted in one of the most important private collections in Latin America. While backing sure-fire winners with Rubens and Bronzino, he has also followed his heart in the case of works still to be rehabilitated by the critics, such as those of the Aesthetic Movement. His passion is a love not only for sophisticated painting but also for beauty, and who can offer a more exquisite combination of both than the artists on display here?

The exhibition is a Culturespaces project produced under the patronage of Roma Capitale in collaboration with the Musée Jacquemart-André, the Chiostro del Bramante and the Museo Thyssen Bornemisza, with support from the JAPS Foundation, produced and organized by Dart - Chiostro del Bramante and the Arthemisia Group.

The next stage of the exhibition after Rome will be at the Museo Thyssen-Bornemisza in Madrid from 23 June to 5 October 2014.

Opening hours
Weekdays 10 am – 8 pm
Weekends 10 am – 9 pm
(no tickets sold in the last hour)

Special opening hours
20 April 10 am – 9 pm
21 April 10 am – 8 pm
25 April 10 am – 8 pm
1 May 10 am – 8 pm
2 June 10 am – 8 pm

ADMISSION
- Full price €13 (audio guide included)

- Reduced €11 (audio guide included)
65 and over (with proof); 11–17; students aged under 26 (with proof); persons on military service and employees of law enforcement; disabled persons

- Reduced price for groups €10
booking obligatory, min. 15 max. 25, microphone equipment obligatory

- Reduced price for children €5 (children aged 4-10)

- Reduced price for schools €5
booking obligatory min. 15 max. 25,

- Reduced price for kindergartens €3
(booking obligatory min. 15 max. 25)

- Special reduced price €9 (audio guide included)
Accredited guides not accompanying groups, journalists with membership of the national association (professionals, trainees, freelance)
Free (audio guide included)
Children under 4; persons accompanying groups (1 per group); teachers with school groups (2 per group); ICOM members (with membership card); 1 escort per disabled person; holders of invitation coupons; Arthemisia Group Vip Card holders; holders of the Card Amici del Chiostro del Bramante

- Fees for booking and advance sales:
Groups and individuals €1.5 per person
School groups €1 per student

- Guided visits
(admission not included, booking obligatory, min. 15 max. 25, microphone equipment obligatory)
Schools €80
Groups €100
Foreign languages €110

- Educational services
For children aged 4–11
(admission not included, booking obligatory, min. 15 max. 25)
Interactive visit €90

MICROPHONE
Groups €30
Schools €15

INFO - BOOKING
T [0039] 06 916 508 451

ONLINE TICKET OFFICE
www.ticket.it/almatadema

EDUCATIONAL INFORMATION
didattica@arthemisia.it

Press office
Arthemisia Group
Adele Della Sala | ads@arthemisia.it | M +39 345 7503572
Anastasia Marsella | press@arthemisia.it | T +39 06 69380306

Barbara Notaro Dietrich | b.notarodietrich@gmail.com | M +39 348 7946585

Chiostro del Bramante
Raffaele Brancato | info@chiostrodelbramante.it | T + 39 06 68809035
Annalisa Esposito | variazioni@chiostrodelbramante.it

Catalogue – Silvana Editore
Lidia Masolini | press@silvanaeditoriale.it | T + 39 02 61836287

Press material can be downloaded from http://bit.ly/1bycF3P


__________________________________


Caffetteria del Chiostro del Bramante | Sante Muro. Viaggio nella Città

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Sante Muro. Viaggio nella Città

Si inaugura martedì 11 febbraio alle ore 17.00 presso la Caffetteria del Chiostro del Bramante, la mostra personale di Sante Muro a cura di Antonietta Campilongo. Viaggio nella Città è il titolo della rassegna. L’esposizione sarà visibile fino all’11 marzo 2014.

La mostra allestita negli spazi della caffetteria del Chiostro del Bramante a Roma, propone attraverso le opere dell’artista Sante Muro, il tema del viaggio. L’artista presenta attraverso i suoi più recenti lavori pittorici, una mappa emozionale delle città vissute, condivise o semplicemente attraversate. Il viaggio spiega l’artista è stato preziosa fonte d’ispirazione, generando un percorso per immagini, che ricostruisce le tappe più significative.

Le opere di Sante Muro non forniscono vedute complete della metropoli; rappresentano il ricordo di un viaggio, nel tempo e nello spazio, alla ricerca del significato perduto, mostrano la necessità di ristabilire una relazione. Una coniugazione di sensibilità poetica e di razionalità, su cui s’innesta il ciclo delle sollecitazioni personali e dei luoghi contemplati. Un sistema dai confini labili che si misura sul valore del limite, inteso come margine ma anche come punto di fusione e integrazione fra le parti.

Una ricerca dei luoghi attraverso l’elemento cromatico e il tratto al di là dell’immagine stessa rappresentata, non dipinge un luogo simbolo ma una percezione, una memoria, una visione collegata a quel luogo, un ritratto sul quale riflettersi.

INFO | anto.camp@fastwebnet.it | T. 339 4394399 – 06/68809035
www.nwart.it | www.santemuro.it

__________________________________



__________________________________


Gallery Accomodation LOFT 08

Gallery Accomodation LOFT 06

Gallery Accomodation LOFT 07

Gallery Accomodation LOFT 04

Gallery Accomodation LOFT 05

Gallery Accomodation LOFT 02

Gallery Accomodation LOFT 03

Gallery Accomodation LOFT 01

Gallery Accomodation Le Campane 08

Gallery Accomodation Le Campane 09

Gallery Accomodation Le Campane 07

Gallery Accomodation Le Campane 05

Gallery Accomodation Le Campane 04

Gallery Accomodation Le Campane 02

Gallery Accomodation Le Campane 01

Gallery Accomodation La Torretta 21

Gallery Accomodation La Torretta 20

Gallery Accomodation La Torretta 19

Gallery Accomodation La Torretta 18

Gallery Accomodation La Torretta 17

Gallery Accomodation La Torretta 16

Gallery Accomodation La Torretta 14

Gallery Accomodation La Torretta 15

Gallery Accomodation La Torretta 13

Gallery Accomodation La Torretta 11

Gallery Accomodation La Torretta 12

Gallery Accomodation La Torretta 10

Gallery Accomodation La Torretta 08

Gallery Accomodation La Torretta 09

Gallery Accomodation La Torretta 07

Gallery Accomodation La Torretta 06

Gallery Accomodation La Torretta 04

Gallery Accomodation La Torretta 05

Gallery Accomodation La Torretta 03

Gallery Accomodation La Torretta 02

Gallery Accomodation La Torretta 01

Gymboree Play & Music : English School Skills and Gymboree English

Gymboree Play & Music : English School Skills and Gymboree English

Gymboree began in 1976 when Joan Barnes, a mother from Marin County, California, tried to find a safe, fun place featuring age-appropriate activities for parents and young children to play together. Unable to do so, she did what any enterprising person would; she started her own program! We’ve been proudly inspiring parents and children ever since.

We provide an environment where children are free to move, play and explore safely. Our proprietary equipment was designed by Jay Beckwith, a nationally respected playground designer with more than 30 years of experience, who created every structure with the needs of children in mind. Our play environments are designed to deliver the high-quality standard parents expect for their children.

At Gymboree Play & Music, you and your child will build creativity, confidence and lifelong friendships. Gymboree programs are specially designed to help young children learn and develop as they play. Our classes also help you learn about your child -- how to participate in and encourage his or her development -- while enjoying the simple pleasure of playing together.

New Gimboree Classes! English School Skills - Gymboree English 1 - Gymboree English 2

Encourage curiosity and build self-confidence in your preschooler through art, science exploration, play and more. Teachers also read children's books that explore and nurture key social and emotional skills, engage in activities that require cooperation and self-awareness, and encourage communication with peers. This school skills class includes both independent and group learning activities to promote the important personal and social skills your preschool child will need for a successful transition into school.

Come try a FREE class today!

English School Skills (2-4 years) | Wednesday from 9:30 am to 12:00 pm
Gymboree English 1 (3-6years) | Wednesday from 03:45 pm to 04:45 pm and from 04:55 pm to 05:55 pm
Gymboree English 2 (6-9y.o.) | Wednesday from 06:00 pm to 07:00 pm

INFO | BOOKING: info@gymbo.it | +39 328 236 7506

__________________________________



__________________________________


Follow Us

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Paola De Rosa. InChiostro

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Paola De Rosa. InChiostro

«Tu folgorasti su me il tuo raggio potente
e ne riverberasti la mia debole pupilla:
tremai d’amore e di terrore»


Lo spazio della Caffetteria del Chiostro del Bramante ospita, dall’8 gennaio al 10 febbraio 2014, la mostra Paola De Rosa. InChiostro, in cui è presentata una selezione di 12 dipinti, realizzati a olio su tela tra il 2009 e il 2013, sul tema della Natura Morta.

Declinando ogni parola, InChiostro lascia all’”evidenza” figurativa e cronologica il senso e la direzione di un percorso in divenire. Paola De Rosa, nata a Roma nel 1968, si è diplomata al IV liceo artistico statale di Roma e si è laureata in Architettura, con lode, alla Sapienza di Roma. La progettazione architettonica e di design sono state le principali attività fino al 2008, anno in cui si è dedicata alla pittura.

Nel febbraio 2012 ha raccolto i suoi lavori più significativi - nature morte e ritratti - nella mostra personale “Verso una pittura”, tenutasi alla torretta Valadier di Roma. Per l’intero 2012 si è dedicata alla realizzazione di una “Via Crucis d’Invenzione”, esposta da marzo a maggio 2013 nella sede del Museo Civico Rocca Flea di Gualdo Tadino (Pg). Sempre da marzo a maggio 2013, si è svolta la mostra “Paola De Rosa. Nature Morte” nel Museo della Ceramica di Gualdo Tadino. La “Via Crucis d’Invenzione” è stata nuovamente esposta a Milano, in Brera, alla Galleria La Stanza dell’Aliprandi, da settembre a ottobre 2013.

Attualmente, Paola De Rosa sta lavorando a due cicli pittorici: “Le Tentazioni della Pittura. L’Enchaînée” e “Il libro dentro il quadro”.

INFO | www.paoladerosa.com | info@paoladerosa.com

__________________________________



__________________________________


VARI(e)AZIONI 2013 Gallery 24

VARI(e)AZIONI 2013 Gallery 23

VARI(e)AZIONI 2013 Gallery 22

VARI(e)AZIONI 2013 Gallery 20

VARI(e)AZIONI 2013 Gallery 21

VARI(e)AZIONI 2013 Gallery 19

VARI(e)AZIONI 2013 Gallery 17

VARI(e)AZIONI 2013 Gallery 18

VARI(e)AZIONI 2013 Gallery 16

VARI(e)AZIONI 2013 Gallery 15

VARI(e)AZIONI 2013 Gallery 14

VARI(e)AZIONI 2013 Gallery 13

VARI(e)AZIONI 2013 Gallery 11

VARI(e)AZIONI 2013 Gallery 12

VARI(e)AZIONI 2013 Gallery 10

VARI(e)AZIONI 2013 Gallery 09

VARI(e)AZIONI 2013 Gallery 08

VARI(e)AZIONI 2013 Gallery 07

VARI(e)AZIONI 2013 Gallery 06

VARI(e)AZIONI 2013 Gallery 07

VARI(e)AZIONI 2013 Gallery 04

VARI(e)AZIONI 2013 Gallery 05

VARI(e)AZIONI 2013 Gallery 03

VARI(e)AZIONI 2013 Gallery 02

VARI(e)AZIONI 2013 Gallery 01

VARI(e)AZIONI 2013 Gallery

Gallerie del Chiostro del Bramante | Francesco Siclari. Tra Realismo e Incanto

Gallerie del Chiostro del Bramante | Francesco Siclari. Tra Realismo e Incanto

II Chiostro del Bramante ospita nello spazio Gallerie le opere di Francesco Siclari in un percorso antologico dal 1975 a oggi. Una quarantina di dipinti selezionati a rappresentare la raffinata produzione artistica del pittore. Mantenendosi fedele alla pittura ad olio, l’artista si mostra padrone della tecnica spaziando dal ritratto alla figura, dalla natura morta al paesaggio con immagini da cartolina: il Canal Grande, la Costiera Amalfitana, Castel Sant’Angelo, lo Stretto di Messina ma anche scorci di un'Italia minore e bellissima. Giovanni Faccenda, curatore della mostra e del catalogo, scrivendo di Siclari nel testo introduttivo pone in risalto "la feconda vena lirica che ha continuamente pervaso i diversi esiti espressivi di un autore rimasto in ogni momento sensibile e ispirato".

Francesco Siclari nasce nel 1940 a Campo Calabro (RC) e nel 1952 si trasferisce in Piemonte, alla periferia di Torino. Ancora bambino, si cimenta con il disegno, poi passa alla china, alla tempera, all`acquerello e infine ai colori ad olio. Si iscrive al Piemonte Artistico e alla Promotrice delle Belle Arti, partecipando a molte esposizioni. E’ la stessa Torino a ospitare, nel 1969, la sua prima personale. Da allora è stato un crescendo che lo ha portato a esporre in varie città d’Italia - tra cui Genova, Milano, Piacenza, Cremona, Udine, Roma - ma anche all'estero’estero, con tappe a Ginevra, Losanna, Montecarlo, Parigi, New York, Barcellona e Berlino.

__________________________________



__________________________________


Caffetteria del Chiostro del Bramante | Ursula Persiani. En Agua

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Ursula Persiani. En Agua

L’acqua è l’essenza della vita, è nel suo abbraccio che ci formiamo e ci prepariamo al mondo. I lavori di Ursula Persiani sembrano scoprire come si può vivere per anni in un luogo e finanche accanto a un essere umano, senza veramente vederlo. Un giorno ecco che si volge lo sguardo e lo si percepisce come davvero è.

Così in queste improvvise discese verticali e immani acquatici precipizi, in un solo irripetibile attimo, non si vuole sapere perché, non ci si vuole davvero chiedere come, c’è un istantanea cromatica epifania, nell’attimo stesso in cui qualcosa si rompe e ricade fatalmente su se stessa, come schiacciata dal peso della sua ineffabile leggerezza, come una diga tra due acque, come due sorti che amorosamente si mescolano, si fondono e precipitano. La vita stessa è proprio come l'acqua, scompare, affonda e poi riaffiora dove vuole, dove deve.

E questi scatti sono come l'acqua, liquidi ed inconsistenti, ma tanto potenti da farsi corso e varco, scalfire e sgretolare rocce calcaree della memoria, raggiungere sponde frastagliate e confondersi finalmente nell’essenza di un grigio mare sconfinato.


Natalia de Marco

Ursula Skookum Persiani. Dopo un Diploma di fotografia presso l' Istituto Europeo di Design (IED) di Roma e con una specializzazione presso l'International Center of Photopgraphy (ICP) di New York in Staged Photography, dimostra subito la sua inclinazione alla messa in scena della realtà, prediligendo l'elemento rappresentativo e installativo.Le sue opere non sono mai semplici immagini, e spesso richiedono la partecipazione attiva dell'osservatore. Come nel caso di Karma is a Bitch, installazione interattiva realizzata all'interno del Fotoleggendo 2011, che fa parte del suo percorso di esplorazione del colore in chiave materica.

Di tale percorso fanno parte il progetto GLAZED, realizzato nel maggio 2012 in collaborazione con i designers Alecci e Di Paola, e la serie di EN AGUA, qui in mostra, nella quale il colore si racconta e si definisce nel suo incontro con l'acqua.

INFO | www.ursulapersiani.com

__________________________________



__________________________________


Caffetteria del Chiostro del Bramante | Luca Rossini. Momentary Suspended

Caffetteria del Chiostro del Bramante | Luca Rossini. Momentary Suspended

I am interested in the inner power of photography to suspend a cut of reality, not just stills of space and time, but also, literally, suspension of the physical and societal rules that define Reality. By living in this suspended limbo of opportunities, due to the lack of rules, photographs seem to be able to choose whether to stay still forever or suddenly evolve into a new dimension. They are innerly metaphysical and potentially psychedelic. With the series Momentary Suspended, I try to capture cuts of space and time in which this feeling of suspension, the pivot of the whole poetic, trespasses the photography itself to suddenly hit the human subjects portrayed. Every second of human life is, in fact, equally suspended in an unstable equilibrium between profound transformation (unexpected news, a dreadful event, a sudden faint) and psychedelia (hallucination, paranoia, craziness). Apparently still, these photographs show a quiet world constantly on the verge of collapse. The nocturnal scenarios remind me of the Notturni (Italian word for nocturnals), those quiet, expressive, lyrical and moody compositions inspired by the night.

INFO | www.lucarossini.it

__________________________________



__________________________________


gallery-store-chiostro-del-bramante-roma-13

gallery-store-chiostro-del-bramante-roma-11

gallery-store-chiostro-del-bramante-roma-112

gallery-store-chiostro-del-bramante-roma-10

gallery-store-chiostro-del-bramante-roma-09

gallery-store-chiostro-del-bramante-roma-08

gallery-store-chiostro-del-bramante-roma-06

gallery-store-chiostro-del-bramante-roma-07

gallery-store-chiostro-del-bramante-roma-05

gallery-store-chiostro-del-bramante-roma-04

gallery-store-chiostro-del-bramante-roma-03

gallery-store-chiostro-del-bramante-roma-01

gallery-store-chiostro-del-bramante-roma-02

CLEOPATRA. ROME AND THE MAGIC OF EGYPT

CLEOPATRA. ROME AND THE MAGIC OF EGYPT

The Egyptian Museum of Turin, the Vatican Museums and the Capitoline Museums. The National Museum of Rome, the National Archaeological Museum of Naples and the Egyptian Museum of Florence. Not to mention the British Museum in London, the Louvre in Paris and the Kunsthistorisches Museum in Vienna. The world’s most important museums have joined forces to loan out numerous prestigious pieces for several months, giving rise to one of the most fascinating and spectacular exhibitions of the year. Cleopatra returns to Rome after 13 years: the last major exhibition devoted to the Queen of Egypt was in 2000, when the Memmo Foundation paid tribute to her, bringing a record-breaking number of visitors to an exhibition in the Italian capital. A clear sign of the undoubted appeal that Cleopatra still holds: two thousand years after her death, the allure and charisma of the Egyptian Queen remain very much alive.

Produced by Arthemisia Group with DART Chiostro del Bramante, and curated by Giovanni Gentili, who previously curated the memorable exhibition devoted to Julius Caesar, the Cleopatra exhibition not only explores her life but for the first time examines her relationship with Rome. She was barely 20 when she seduced first Julius Caesar then Mark Anthony, interlacing sex and power in a way that has been instrumental in shaping world history ever since.
It is an intriguing coincidence that the city is hosting an exhibition on Augustus, Cleopatra’s arch enemy, in the very same period: the two enemies appear destined to be eternally intertwined.

The 180 masterpieces on show include some leading highlights: the so-called “Nahman” portrait of Cleopatra, on show in Italy for the first time; an extraordinary portrait of Octavia, the wife of Mark Anthony and sister of Augustus, in the guise of Cleopatra, on show for the first time anywhere in the world; a portrait of the Queen of Egypt when very young, probably when she rose to the throne in 51 B.C., and also a world first; the “Guimet” portrait of Alexander the Great from the Louvre, a masterpiece of Hellenistic sculpture; an extraordinary bronze, never previously exhibited, depicting Alexander Helios, the son of Cleopatra and Mark Anthony, and the spectacular but little known mosaic of the Nile from the Museum of Priverno.

THE EXHIBITION
The exhibition is divided into nine sections: Cleopatra. The Last Queen of Egypt; The Land of the Nile; The Hellenistic Sovereigns; The Gods and Religion in Egypt under the Ptolemies; The Arts; Key Figures and Events; Cleopatra and Rome. Egyptomania; New Religions in Rome, and Rome Conquered: the New Pharaohs.
The first room presents the magnificent Head of a Ptolemaic Queen, probably Cleopatra, dated to the second half of the first century B.C., from the Capitoline Museums in Rome. This is followed by a highly atmospheric section devoted to the fascinating environment of the river Nile, set to captivate adults and children alike: rare, lavish mosaics and painted frescoes depict an extraordinary range of aquatic fauna – including hippopotami, crocodiles, frogs, wild ducks and ibis, along with lotus flowers, thickets of papyrus and fish of all kinds – evoking the teeming fecundity of this unique waterway. There are various works testifying to the powerful appeal that the “exotic” world of the Nile held for the Romans, such as the fresco from Pompeii entitled Nile Scene with Pygmy Hunters (55-79 d.C., National Archaeological Museum of Naples), which shows an improbable battle between the diminutive pygmies, crocodiles and hippos, typical Egyptian subject matter that was very popular in Roman art.

The exhibition also pays tribute to the figures who put Egypt on the world map, starting with Alexander the Great (Idealised head of Alexander the Great, called Alexandre Guimet, early 2nd century B.C., Musée du Louvre), the founder of Alexandria. The Macedonian military leader built this grandiose and extraordinarily beautiful city to serve as the capital of the new kingdom of Egypt. The faces of some of his successors, the Ptolemaic or Lagid kings, named after the first member of the dynasty Ptolemy Lagus, who ruled for 300 years, crowned by the spectacular marble icon of the great founder. The following section of the exhibition is devoted to the city itself and the multicultural population that made it the most vibrant hub of the Mediterranean in its day. Ancient Egyptian and Greek gods, alongside new divinities, inhabited the heavens and the afterlife of Ptolomaic Egypt, in an infinite variety of ways and forms, giving rise to the lavish works of art presented in the exhibition: statues, papyrus scrolls, sarcophagi, masks, religious objects, all crafted from precious materials that the desert environment has preserved to perfection. Another insight into the unique milieu that Cleopatra, one of history’s most cultured queens, was both the product and the last exponent of.

This is followed by a section that focuses on the main events and figures in the complex scenario that arose after the fall of the Roman Republic: Gnaeus Pompeius and Julius Caesar, and their struggle for power in Rome; the meeting between Caesar and Cleopatra VII, which led to the birth of Ptolemy XV Caesarion; Mark Anthony and Octavian, allied to avenge Caesar’s assassination; the new couple formed by Cleopatra and Mark Anthony, with their twins Alexander Helios and Cleopatra Selene, and lastly Ptolemy Philadelphus. The extraordinary events that redesigned the history and geography of the Mediterranean in the second half of the first century B.C. are narrated in the exhibition in masterpieces such as the Portrait of Julius Caesar (30 B.C. ca., Vatican Museums) and that of Cleopatra found in Rome (45 B.C. ca., Vatican Museums), as well as splendid cameos, precious coins and other rare finds. The exhibition goes on to explore Cleopatra’s “Roman years” (from 46 to 44 B.C.), during which, as the rare, precious archaeological treasures in the exhibition show, Roman customs and fashions were heavily influenced by the Queen and her court. While the ladies of the capital began to sport Egyptian hairstyles and wear jewellery featuring the image of the sacred uraeus, (the snake that symbolised Egyptian sovereignty and immortality), homes, villas and gardens were decorated with paintings, mosaics, sculptures and furnishings inspired by the “magical” kingdom: Egyptomania was in full swing. Alexandrian artists and craftsmen travelled to Rome and other important centres of the Empire in order to respond faster and more efficiently to the growing demands from the local aristocracy. This can be seen in beautifully crafted jewellery such as the Snake’s Body Bracelet (1st century B.C. – 1st century A.D., National Archaeological Museum, Naples), found among the belongings of a lady, perhaps the owner of the famous House of the Faun in Pompeii, or the statue of the crouching Sphinx (1st century A.D., National Archaeological Museum, Naples), wearing the headdress of the pharaohs, which decorated a fountain in the garden of a domus in Pompeii, together with frescoes, mosaics, and precious silver and alabaster tableware unearthed in Rome and other parts of the Roman Empire.

Egyptian religions – first and foremost the figure of Isis, goddess of life and sea travel, so vital to Rome - also made their way into the Roman pantheon, albeit opposed by the more conservative members of the Senate. We can admire depictions of Isis both in traditional Egyptian garb – that worn by Cleopatra, who in Egyptian religion was held to be the embodiment of the goddess, from 36 to her death in 30 B.C., and in Hellenistic/Roman style clothing, breastfeeding her son the god Horus. Then there is the beautiful Statue (1st century B.C. – 1st century A.D., National Archaeological Museum, Naples) of Anubis, protector of the dead, which depicts the goddess with a dog’s head and the body of Hermes/Mercury, the result of the encounter with Hellenistic culture. Not to mention Bes, the benevolent “gnome” figure, and the god Harpocrates as a boy, depicted on small magical stelae, and many more.

After Egypt was conquered in 30 B.C. and both Mark Anthony and Cleopatra committed suicide in the same year, the new rulers, first and foremost Caesar Octavian, a.k.a. Augustus, who reigned as prince from 27 B.C., had to take account of the millennial traditions of ancient Egypt in order to be acknowledged and hailed as sovereigns. In a way Cleopatra was avenged: Augustus sat on the same throne that had belonged to her and her son Caesarion, killed by the victorious ruler, who continued to play the role of God/Pharaoh. And that is how we see him, dressed in the traditional Egyptian manner and with the attributes of a Pharaoh (the nemes headdress, for example) in the relief from the Kalabsha Temple he built in Lower Nubia, from the Champollion Museum in Figéac, France. The exhibition also includes Tiberius, also depicted as a Pharaoh, in the mysterious and captivating Portrait of the Roman Emperor as a Pharaoh from the 1st century A.D., from the Louvre, and other successors of Augustus, such as Nero and probably Domitian, who upheld the religion of Isis in Rome. The coins minted by Octavian around 28-27 B.C. after his victory over Anthony and Cleopatra bear the inscription Aegypta Capta, “Egypt held captive”, but the exhibition sets out to show how it was actually Rome that fell under Egypt’s powerful spell.

Cleopatra VII Thea Philopator, the last Queen of Egypt from 69 to 30 B.C., left an indelible mark on her era. Not particularly beautiful but a great seductress, intelligent and determined, cultured and refined, and known for her brilliant mind, she drew her strength from her free, independent personality. Perhaps the world’s very first celebrity, her reign had a cultural and political impact the like of which has not been seen since. Destined to be an icon from the start, Cleopatra is undoubtedly one of the most often portrayed and controversial figures in world history.

Information | Booking | T [+39] 06 916 508 451

Admission
Monday - Friday 10am - 8pm (last admission 7pm)
Saturday & Sunday 10am - 9pm (last admission 8pm)

TICKETS
- Full price € 13,00 (audioguide included)
- Reduced price € 11,00 (audioguide included) :
65 years (with valid ID); guys from 11 to 17 years; students under 26 years (with valid ID); forces of law and order and the military on producing an ID; disabled; CartaFreccia card holders

- Reduced price for Groups € 10,00 :
booking required, min 15 max 25 pax, miking obligatory
- Reduced price for Schools € 5,00 | prenotazione booking required, min 15 max 25 pax, children from 4 to 10 years
- Elementary school € 3,00 | booking required, min 15 max 25 pax
- Special Price € 9,00 (audioguide included)
Tourist guides, without a group
Journalists with press card (professional, practitioner, freelance)

- Free admission for (audioguide included):
Children under 4 years; 1 person accompanying each booked group; teachers accompanying students (2 each groups); ICOM card holders; free admission for the person accompanying the disable; Employees State Railways; Coupon invitation; Arthemisia Group Vip card holders; Amici del Chiostro del Bramante card holders

Booking and advance: Groups and individuals € 1,50 per person | School groups € 1.00 per student

Guided tours (excluding ticket prices, booking required min 15 max 25, miking required)
Schools € 80.00 | Groups € 100.00 | € 110.00 Foreign Language

Didactic services | Info: didattica@arthemisia.it
For children from 4 to 11 years (excluding ticket prices, booking required min 15 max 25 pax)
Educational workshop € 100.00

Miking | Groups € 30,00 - Schools € 15,00

PRESS OFFICE
Arthemisia Group | T +39 06 69380306 | press@arthemisia.it
Adele Della Sala | ads@arthemisia.it | | M +39 345 7503572
Anastasia Marsella | press@arthemisia.it | T +39 06 69380306
Chiostro del Bramante | Raffaele Brancato | direzione@chiostrodelbramante.it | T +39 06 68809035

Skira Catalogue
Lucia Crespi | lucia@luciacrespi.it | T +39 02 89415532 | T +39 02 89401645

__________________________________



__________________________________


Lessons in English for children from 2 – 5 years old at the Chiostro del Bramante

Lessons in English for children from 2 – 5 years old at the Chiostro del Bramante

Gymboree Play & Music, The Global Leader in Early Childhood Development Programmes for 0-5s have more than 700 centres in 40 countries around the world and are expanding their selection of courses for young children in the Chiostro del Bramante in the heart of Rome.
These activites, which are conducted in English and in Italian (depending on course and demand), aim to develop children’s physical, cognitive and social skills in a fun and playful setting. Some of the courses also actively involve parents and carers, who can play such a vital role in their children’s development. In the UK, Gymboree has just won the national award, for the fourth year running, for the best activity on offer for pre-school children.

MUSIC – the course aims to explore the foundations of music through singing, movement and age- appropriate instruments. The lessons take children and parents alike on a journey of exploration through a huge variety of styles, from classical music to jazz, and introduces rhythms and melodies from the most remote corners of the world.

ENGLISH SCHOOL SKILLS – learning English is a game with Gymboree! Children build curiosity and self-confidence through art, the discovery of the alphabet and a huge variety of physical and interactive games. The activities used in English School Skills are conducted mainly in English, and encourage communication and co-operation between peers. This allows children to build a solid framework in preparation for future educational and social contexts. In each two hour class, the teachers involve the children in reading English books, in exploring and nurturing their social and emotional skills, and in encouraging communication with their peers in the group. Prepare your child for school and for life with the new “English School Skills” programme from Gymboree! Unlike in the Music course, this programme does not require the presence of parents, apart from during the settling in process which is determined by the teachers. To guarantee the highest-quality lessons, led by two teachers, there is a maximum of 10 children in each group.

Timings:
English School Skills* (2 – 5 years) - Tuesday from 9:30 to 11:30
English School Skills* (2 – 5 years) - Wednesday from 10:00 to 12:00
Music 2/3 (16 m - 5 years) - Thursday from 10:00 to 10:45
Music 1 (6 - 16 years) - Thursday from 11:00 to 11:45

- All of the lessons take place on the second floor in the area above the Chiostro’s café.

In addition, if you are interested in taking part in a course of Sensory Baby Play, at the Chiostro, contact us directly. Sensory Baby Play classes offer newborns (0-8 months) new sensory experiences and to give adults ideas as to how to stimulate their children from such a young age. Our lessons provide a whole repertoire of songs and activities tailored especially for young babies which can be replicated at home. Sensory Baby Play lessons include songs, physical activities, puppets, fibre optic lights, bubbles, musical instruments and lots more, all perfectly suitable for babies. In each lesson, following initial group activities, there is an opportunity to explore our “sensory stations”, which include a variety of objects and materials for even the littlest to explore and all have together!

*The classes will start the 22nd October but there is the chance that they could begin the week before.
The first class will be completely free to any little one who has not yet tried a Gymboree class.

Book a free trial class now at www.gymbo.it!

For INFO and reservations: e-mail info@gymbo.it | Tel/Mob 328 236 7506 | www.gymbo.it

__________________________________



__________________________________


Follow Us

Gymboree_Gallery_07

Gymboree_Gallery_10

Gymboree_Gallery_09

Gymboree_Gallery_08

Gymboree_Gallery_06

Gymboree_Gallery_05

Gymboree_Gallery_01

Gymboree_Gallery_03

Gymboree_Gallery_04

Gymboree_Gallery_02

The Child's Chiostro

The Child's Chiostro

Lessons of Music and Art for Children at the Chiostro del Bramante | What is Gymboree? We are the Global Leader in Early Childhood Development. There are currently over 700 centres in 40 countries around the world. The unrivaled quality of the Gymboree programme is the key for its success. Gymboree is a wonderful interactive program. Parents and children will be delighted to spend time together building strong bonds that will last a lifetime. Gymboree focuses on the whole child and we believe that playing and learning are inextricably interlinked. Our approach and unique learning environments help children acquire the key ingredients (motor skills, social skills and self esteem) they need in order to grow up to be confident and successful adults

__________________________________



__________________________________


Follow Us

I Martedì Critici al Chiostro del Bramante | IV edizione

I Martedì Critici al Chiostro del Bramante | IV edizione

A cura di Alberto Dambruoso e Guglielmo Gigliotti
con la collaborazione di Sara De Chiara e Eleonora Aliano
presentazione di Maurizio Calvesi


Aperitivo dalle 19.30 alle 20.00
Talk con l'artista dalle 20.00 alle 21.30


www.imartedicritici.com

MARIO CEROLI
Martedì, 17 settembre 2013

L'Associazione culturale I Martedì Critici è lieta di annunciare l'apertura della stagione autunnale degli incontri, ormai giunti al quarto anno di attività, martedì 17 settembre, presso il Chiostro del Bramante. Ospite dell'appuntamento inaugurale del nuovo ciclo romano sarà MARIO CEROLI, nato a Castelfrentano (Chieti) nel 1938. Esposta in una recente mostra antologica curata da G. Maraniello al MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, dal titolo Faccia a faccia, la scultura di Ceroli continua a destare meraviglia, rivelando un'inesauribile vocazione alla sperimentazione di materie, dimensioni e spazialità. Trasferitosi a Roma da bambino, dove ancora giovanissimo comincia a lavorare con Leoncillo, Colla e Fazzini, Ceroli esordisce con una mostra di ceramiche, per poi aggiudicarsi nel 1958 il premio per la giovane scultura della Galleria Nazionale d’Arte Moderna con un lavoro costituito da tronchi e chiodi.

La sua forte presenza nella scena artistica romana ha dato un grande impulso al rinnovamento linguistico dell'arte italiana ed internazionale degli anni Sessanta sia per aver contribuito alla formazione della nuova figurazione in seno al gruppo della Scuola di Piazza del Popolo, sia per aver anticipato con le opere realizzare a partire dal 1967, il movimento dell'Arte Povera; da allora Ceroli lavora con elementi naturali, come terra, fuoco, ghiaccio, stracci, carta, cenere, portando avanti un linguaggio autonomo, sollecitando costantemente la materia a rivelare la propria intrinseca realtà. Il legno, elemento povero e primario, è uno dei supporti prediletti dallo scultore, con il quale negli anni Sessanta comincia a realizzare le sue celebri sagome, essenziali come ombre, profili di figure umane, articolati in composizioni, scene, o ripetuti in maniera seriale in opere come La Cina (1966), esposta nel 2007 in occasione della mostra di riapertura del Palazzo delle Esposizioni di Roma, per la cura di M. Calvesi e C. Terenzi. Le forme ritagliate nel legno, siano esse lettere, geometrie, oggetti, rappresentazioni di derivazione pop, o traduzioni tridimensionali di opere d'arte del passato, sono la materializzazione di un'idea nello spazio e con esso entrano in dialogo. Cassa Sistina è la prima opera percorribile realizzata da Ceroli, premiata alla Biennale dei Venezia del 1966. Questa vocazione alla spazialità si esprime nella realizzazione di veri e propri ambienti, come gli interni della chiesa di San Lorenzo a Porto Rotondo e di Santa Maria Madre del Redentore a Tor Bella Monaca, di numerosi monumenti e installazioni, di allestimenti scenici per teatro e cinema, tra cui ricordiamo Riccardo III per la regia di Luca Ronconi e Orgia di Pier Paolo Pasolini.

Dopo l'esordio, negli anni Sessanta Ceroli ha tenuto mostre personali presso la galleria La Tartaruga a Roma, Il Naviglio a Milano e la Bonino Gallery a New York. Nel 1967 partecipa alle mostra anticipatrice dell'Arte Povera Fuoco, immagine, acqua, terra presentata da A. Boatto e M. Calvesi all’Attico di Roma e alla collettiva Arte Povera e Im Spazio presentata da G. Celant alla Bertesca di Genova; nello stesso anno prende parte alla Biennale di Parigi invitato da Maurizio Calvesi.. Accademico di San Luca dal 1989, Ceroli ha partecipato a numerose edizioni della Biennale di Venezia (1968, 1976, 1988, 1983), alla Biennale di San Paolo in Brasile nel 1989, alla Quadriennale di Roma nel 1992. Nel 2001 a Roma è stato presente alla rassegna Novecento alle Scuderie Papali e ai Mercati Traianei.

www.chiostrodelbramante.it

NANNI BALESTRINI
Martedì, 24 settembre 2013

Ospite del secondo appuntamento dei Martedì Critici al Chiostro del Bramante è NANNI BALESTRINI (Milano, 1935). Artista, scrittore, poeta, editore, Balestrini è certamente da almeno cinquant’anni, una delle figure più rilevanti nel mondo della cultura italiana ed internazionale. A partire dalla prima pubblicazione sulla rivista “Mac Espace” di Gillo Dorfles nel 1958 della raccolta di poesie “Osservazioni sul volo degli uccelli” scritte tra il 1953 e il 1956 fino alla recente partecipazione la scorsa estate (2012) a Documenta 13 a Kassel con il film più lungo del mondo dal titolo 'Tristanoil', andato in onda per tutta la durata della kermesse (cento giorni e 2.400 ore) e successivamente trasmesso anche in altre città italiane come Milano, Firenze e Roma, Balestrini ha attraversato in modo poetico, critico, impegnato, i cambiamenti all'interno della società italiana e occidentale tra la fine deglli anni Sessanta e i giorni nostri, con quel senso utopico di ricerca di un miglioramento collettivo che è tuttora uno dei temi portanti della sua filosofia artistica. Difficile scindere il Balestrini poeta e scrittore dal Balestrini artista visivo, tanto sono intrecciati i temi dell’uno con quelli dell’altro.

Tra i grandi innovatori del linguaggio poetico-letterario, Balestrini ha partecipato contribuendo attivamente alla formazione del movimento letterario neoavanguardista dei primi anni Sessanta, prima con il gruppo dei Novissimi e poi con il Gruppo 63 nel quale confluirono alcuni tra i maggiori scrittori sperimentali italiani degli ultimi cinquantanni, come Umberto Eco, Edoardo Sanguineti, Alberto Arbasino, e di cui Balestrini ne divenne anche editore. Noto per le sue posizioni politiche in difesa del potere operaio, Balestrini ha scritto alcuni libri sui movimenti di contestazione “Sessantottini” (famosissima la sua performance in occasione del ciclo Il Teatro delle Mostre alla Galleria La Tartaruga di Plinio De Martis nel 1968 in cui al telefono da Parigi, nel pieno corso delle lotte studentesche fece scrivere sul muro della galleria la celebre frase “L’immaginazione al potere”), sui lavoratori della Fiat a Torino e sugli anni di piombo in Italia (“Vogliamo tutto” e “Gli Invisibili”). Tra i protagonisti della Poesia Visiva italiana, Balestrini ha fatto sua la lezione marinettiana delle parolibere futuriste e adottando la tecnica del montaggio di tipo cinematografico ha dato vita a dei collage verbo-visuali strutturati a partire da ricercate articolazioni lessicali che tendono a portare in evidenza molti dei concetti contenuti all'interno delle suoi libri o più in generale della sua visione sul mondo. Ha esposto in moltissimi musei e gallerie d’avanguardia italiani e estreri, e nel 1993 è stato invitato alla Biennale di Venezia.

GIANCARLO LIMONI

GIANCARLO LIMONI
Martedì, 1 ottobre 2013

Ospite del terzo appuntamento stagionale dei Martedì Critici al Chiostro del Bramante è GIANCARLO LIMONI (Roma, 1947). Tra i protagonisti della Nuova scuola romana degli anni Ottanta, la ricerca pittorica di Limoni si distingue per l'elezione del mondo della natura quale soggetto costante della sua opera. I motivi floreali, che prendono forma su tele e tavole, sono continuamente in bilico tra la rappresentazione figurativa, cui rimanda il soggetto, e l'astrazione, memore del gesto e segno informali. L'ambiguità è resa da una superficie scabra, vivificata dall'alternanza di zone in cui la materia pittorica si addensa in pastose concentrazioni di luce e colore, e zone in cui la materia diventa liquida, innescando un sapiente gioco di velature e trasparenze. Le campiture monocromatiche, che spesso fanno da sfondo alle accensioni variopinte dei fiori, annullano ogni determinazione di spazio o tempo, rendendo la visione della natura rappresentata una sorprendente apparizione, una composizione armonica costruita con i colori brillanti, le rapide pennellate, i segni vorticosi.

Vincitore del premio Termoli nel 1977, a partire dagli anni '80 Limoni espone in numerose mostre personali presso la galleria L'Attico di Fabio Sargentini. Partecipa alle più importanti rassegne italiane di quegli anni, tra cui Nuove trame dell'Arte a Genazzano, Anni 80 a Bologna, La nuova scuola romana a Graz, Trent'anni dell'Attico a Spoleto, Capodopera a Fiesole e Post Astrazione a Milano. Negli ultimi anni, Limoni ha partecipato alle mostre Inchiostro indelebile al MACRO a Roma nel 2003 e Pittori figurativi italiani nella seconda metà del XX secolo alla Mole Vanvitelliana di Ancona nel 2005. Dal 2005 espone con continuità anche alla galleria romana A.A.M.- Architettura Arte Moderna che gli dedicherà tra l’altro a breve la prossima mostra dal titolo “Paesaggi”, visitabile da metà ottobre a fine anno.

Ospite del quarto appuntamento stagionale dei Martedì Critici al Chiostro del Bramante è PIERO MOTTOLA

PIERO MOTTOLA
Martedì, 8 ottobre 2013

Ospite del quarto appuntamento stagionale dei Martedì Critici al Chiostro del Bramante è PIERO MOTTOLA (Caserta, 1967). Artista e musicista sperimentale, Mottola si forma a Roma, dove frequenta il centro studi Jartrakor, diretto da Sergio Lombardo, che conduce attività di ricerca sulla Psicologia dell'Arte e sulla Teoria Eventualista alla fine degli anni Settanta. Qui espone nel 1988 la sua prima mostra personale, in cui presenta Miglioramento-Peggioramento, un esperimento che coinvolge nella sua realizzazione gli spettatori e cerca di superare l'intenzionalità dell'autore. Fin da questo lavoro, la ricerca di Mottola è connotata da una forte presenza dell'elemento casuale all'interno della composizione e da un'indole relazionale, aperta al coinvolgimento del fruitore, che completa l'opera. A questi aspetti, si aggiunge l'applicazione di un metodo sperimentale, che traduce in mappature, campionari, geometrie, e modelli, i dati sensibili ed emozionali, le interpretazioni acustiche ed estetiche. L'artista costruisce un sistema complesso, che elabora materiale raccolto nel contatto con il pubblico e restituisce immagini e suoni conturbanti che stimolano, ponendosi in continuità con la stessa realtà, la nostra partecipazione emozionale ed estetica, e giungono all'espressione della "bellezza".

Numerose sono le partecipazioni di Mottola a mostre e festival, concerti e interventi in università in Italia e all'estero. Tra le esposizioni recenti ricordiamo la performance musicale Concerto con vista al Museo Hermann Nitsch - Fondazione Morra di Napoli, nel 2009; la partecipazione alla 54. Biennale Arte di Venezia nel 2011 con l’ambiente cromatico Fuga, cromatico relazionale a sette emozioni; l’installazione sonora Peripato al Padiglione della Repubblica Araba Siriana (Isola di San Servolo - Caserma Cornoldi) e alla 11. Biennale Arte dell’Avana del 2012 con una installazione Scatole Sonore ed una performance musicale per strumenti acustici diretta da E. Perez Mesa, direttore dell’Orchestra Sinfonica di Cuba. Nel 2011 esegue una composizione elettronica elaborata in tempo reale per Campionatore emozionale E.10 al Hochschule für Musik und Theater di Lipsia nel settembre del 2011. Nel 2012 ha eseguito Sequenza relazionale A e B per pianoforte e voce nell’ambito di “Musica Indeterminata” con musiche di G. Chiari e J. Cage all’Istituto per i Beni Sonori e Audiovisivi di Roma. Mottola è docente di Sound Design e Plastica Ornamentale all’Accademia di Belle Arti di Roma ed è titolare del LER (Laboratorio di Estetica Rumore). Ha pubblicato Correspondance (Gangemi, 2010) una raccolta di testi e musiche di M. Bortolotti, G. Chiari e dell’autore e Passeggiate emozionali. Dal rumore alla musica relazionale (Maretti, 2012).

Ospite del quinto appuntamento di Martedì Critici al Chiostro del Bramante sarà Bruno Ceccobelli

BRUNO CECCOBELLI
Martedì, 15 ottobre 2013

Ospite del quinto appuntamento di Martedì Critici al Chiostro del Bramante è BRUNO CECCOBELLI (Monte Castello di Vibio, PG, 1952). Dopo aver trascorso a Todi l'infanzia e la giovinezza, Ceccobelli si trasferisce a Roma, dove frequenta i corsi di Toti Scialoja all'Accademia di Belle Arti. Nel 1977 tiene la prima mostra personale presso la Galleria Spazio Alternativo di Roma, dove espone lavori di tipo concettuale; nello stesso anno presenta il suo lavoro in due mostre personali allestite nello spazio autogestito da artisti, La Stanza. Dopo l’esordio in ambito concettuale, le opere di Ceccobelli si caratterizzano via via per l’impiego di materiali naturali, tra cui cenere, piombo, creta, cera, sale e zolfo, capaci di esprimere energia pura. Lo studio delle filosofie orientali, della teosofia e dell'alchimia dotano le immagini dei suoi quadri e delle sue sculture, a metà strada tra astrazione e figurazione, di una carica altamente simbolica e di una grande tensione spirituale. Nei primi anni Ottanta Ceccobelli si stabilisce nell’ex-pastificio Cerere, nel quartiere San Lorenzo a Roma, dove formerà, insieme con Dessì, Gallo, Nunzio, Pizzi Cannella e Tirelli, il celebre gruppo di pittori, noto come Scuola di San Lorenzo. I lavori su tavola che Ceccobelli realizza a partire dagli anni Ottanta si distinguono per l'utilizzo di tinte terrose, di bruciature e catrame. Come moderne pale d'altare, le tavole mostrano una complessa simbologia, composta da segni alfabetici o numerici, impronte di mani e di piedi, o simboli cristologici come il pesce e la croce. Negli anni Novanta Ceccobelli comincia a lavorare il marmo, mentre la sua pittura, sempre densa di elementi metaforici ed enigmatici, recupera una colorazione più varia e accesa.

Artista celebre a livello internazionale, Ceccobelli ha partecipato alla Biennale di Belgrado e alla Biennale des Jeunes a Parigi nel 1980; alla sezione “Aperto 84” della XLI Biennale di Venezia, dove torna ad esporre nel 1986, nella sezione “Arte e alchimia”, curata da Arturo Schwarz. Nel 1986 prende parte inoltre alla Biennale di Sidney e alla Quadriennale di Roma, dove è invitato anche all'edizione del 1996. Ha tenuto mostre personali in tutto il mondo: al 1981 risale la prima mostra da Yvon Lambert a Parigi, dove esporrà ancora nel 1987 e nel 1989, espone da Gian Enzo Sperone e a New York tra il 1984 e il 1986. Nel 1993 gli vengono dedicate due mostre antologiche, al Museum Centre Saydie Bronfman di Montreal e alla galleria d’Arte Contemporanea di Rimini. Tiene l’importante mostra personale Classico Eclettico, presso il Museo Archeologico di Villa Adriana a Tivoli nel 2003 e nel 2004 realizza a Gibellina il mosaico L’eternità è la vera medicina; l’anno successivo, alla galleria Guastalla di Livorno, presenta la mostra Grandi opere 1989-2005. Tra le esposizioni più recenti ricordiamo: Longamarcia post-temporale, nel 2007 da Volume! a Roma; Invasi, nel 2008 a Roma presso la Fondazione Pastificio Cerere e Attici unici, alla galleria Attico di Fabio Sargentini nel 2009. Tra le pubblicazioni più recenti che raccolgono le riflessioni teoriche di Ceccobelli, si segnalano 'Color Bellezza' (Jaca Book 2003) e 'Tempo senza tempo della pittura' (De Luca Editori d’Arte 2005).

Ospite del sesto appuntamento dei Martedì Critici al Chiostro del Bramante è ROBERTO PIETROSANTI

ROBERTO PIETROSANTI
Martedì, 22 ottobre 2013

Ospite del sesto appuntamento dei Martedì Critici al Chiostro del Bramante è ROBERTO PIETROSANTI (L’Aquila, 1967). Trasferitosi a Roma dalla fine degli anni Ottanta, inizia il suo percorso artistico sotto la guida di tre grandi artisti, quali Bruno Ceccobelli, Fabio Mauri e Mauro Staccioli. Parallelamente Pietrosanti matura una sua personale ricerca, che sembra trovare nel tessuto urbano e nella storia di Roma un polo costante con cui la sua riflessione artistica si confronta: l'elemento classico, che si ritrova nel rigore compositivo dei suoi lavori e nell'eleganza delle forme. Prima dell'esordio artistico, l'artista ha avuto una formazione in campo musicale, che è possibile rintracciare nella sua produzione visiva, per esempio nella ripetizione degli stessi segni o forme. A metà strada tra scultura e architettura, le opere di Pietrosanti si distinguono per l'indagine dello spazio circostante che l'artista persegue e in cui il monocromo, che delinea l'orizzonte all'interno del quale si muove tutta la sua ricerca, da attributo relativo al cromatismo diventa qualità dello spazio. Elementi geometrici semplici, tra superfici e volumi, vengono caricati di tensioni, che pulsano grazie all'uso di metalli. Lamine di rame, ottone e spilli rendono dinamiche le superfici, cercando di raggiungere un equilibrio, che tuttavia non cela la natura duplice dell'arte, la combinazione di due forze, che potremmo definire apollinea e dionisiaca.

Tra le recenti mostre di Pietrosanti, ricordiamo Arte Contemporanea Lavori in corso 10, presso il Macro di Roma nel 2000; Migranti, opera site specific insieme con Elvio Chiricozzi presso lo Studio d'Arte Contemporanea Pino Casagrande a Roma; l'installazione con le sfere di rame serrate tra le pareti e un muro in cemento per la fondazione Volume!, a Roma nel 2003. Nel 2004 ha partecipato alla rassegna Monocromos. Da Malevic al presente, presso il Reina Sofia di Madrid e alla X edizione della Biennale di Architettura di Venezia. Presso la galleria A.A.M di Roma si è tenuta nel 2006 la personale Nel bianco; nel 2009 partecipa alla mostra Confines, a cura di Vincenzo Trione e Consuelo Císcar Casabán, negli spazi del Museo IVAM di Valencia. Nel settembre 2012 è inaugurata l'installazione sulla scalinata esterna al Museo dell'Ara Pacis, oggi collocata nella riserva naturale della Tenuta dei Massimi a Roma. Nel 2013 ha partecipato alla mostra "Post Classici" tenutasi ai Fori Imperiali e sul Palatino di Roma. Pietrosanti ha realizzato inoltre progetti per il teatro e la danza contemporanea con le compagnie Altroteatro e Sistemi Dinamici Altamente Instabili.

Ospite del settimo appuntamento dei Martedì Critici al Chiostro del Bramante è BRUNA ESPOSITO

BRUNA ESPOSITO
Martedì, 29 ottobre 2013

Ospite del settimo appuntamento dei Martedì Critici al Chiostro del Bramante è BRUNA ESPOSITO, nata a Roma (1960), dove attualmente vive e lavora, dopo aver trascorso lunghi periodi a New York e a Berlino. Attraverso linguaggi diversi, dall'installazione alla performance, dalla scultura al disegno e alla fotografia, i lavori di Esposito sono il risultato dell'azione di un filtro costituito dallo sguardo particolare che l'artista getta sul mondo reale. Situazioni e materiali quotidiani vengono setacciati, finché non ne rimangono che frammenti, densi di un inatteso lirismo e l'esperienza vissuta non è trasfigurata, poiché colta in quell'impercettibile mutamento in cui il dettaglio contingente si rivela scheggia di un retaggio ancestrale e universale. Come haiku giapponesi, Esposito crea dei componimenti caratterizzati da una forma essenziale, dal fragile equilibrio di uno stato d'animo, spesso ricorrendo al linguaggio della natura. Tra i suoi lavori più celebri, l'installazione Aquarell è costituita da una panchina, le cui assi sono state sostituite da specchi. Mostrata per la prima volta a Berlino nel 1988 e presentata in una versione "sull'acqua" alla Biennale di Venezia nel 1999, Aquarell è una scultura mutevole, che assorbe e riflette l'ambiente naturale in cui è inserita, leggera, precaria, attraente e al contempo tagliente e destabilizzante, desta nello spettatore una nuova consapevolezza dello spazio.

Bruna Esposito ha partecipato a numerose rassegne internazionali, tra cui ricordiamo Documenta a Kassel nel 1997, La ville, le jardin la mémoire, Villa Medici, Roma nel 1998, La Biennale di Venezia nel 1999, in cui è premiata, insieme ad altre artiste italiane, con il Leone d’Oro per la miglior partecipazione nazionale. Nello stesso anno ha vinto l’Italian Studio Program P.S.1 a New York. Ha preso parte alla Biennale di Istanbul nel 2003, a quella di Gwanjiu in Corea nel 2004 e all'edizione della Biennale di Venezia nel 2005; a La Quadriennale di Roma nel 1996 e nel 2008; Une histoire privée, Maison Européene de la Photographie, Parigi nel 2006; Italics, Palazzo Grassi, Venezia nel 2007, Terre Vulnerabili, Hangar Bicocca, Milano e Spazio, MAXXI, Roma nel 2010. Tra le recenti mostre personali ricordiamo la mostra al Castello di Rivoli e Madre Patria a Castel Sant’Elmo a Napoli, entrambe nel 2002 e Compro Oro, presso l'Edicola Notte a Roma nel 2007. Nel 2012 ha presentato la performance Paesaggio, nell'ambito di Acting out. Artisti italiani in azione, presso il MAXXI a Roma.

Ospite dell'ottavo e ultimo appuntamento stagionale dei Martedì Critici al Chiostro del Bramante è ANDREA SALVINO

ANDREA SALVINO
Martedì, 5 novembre 2013

Ospite dell'ottavo e ultimo appuntamento stagionale dei Martedì Critici al Chiostro del Bramante è ANDREA SALVINO (Roma, 1969). Artista attivo tra Berlino e Roma, Salvino rivolge uno sguardo indagatore alla storia e al passato, per trarre i soggetti e le iconografie dei suoi dipinti e disegni. Eventi di cronaca, episodi drammatici della storia italiana e mondiale, ma anche celebri fotografie e scene di film, sono il punto di partenza per le sue opere, realizzate con tecniche diverse, in cui la Storia si sfrangia nelle molteplici sfaccettature delle storie delle singole persone, abolendo le gerarchie tra primo piano e sfondo, e costruendo una narrazione che intreccia vicende private e collettive, reali e immaginarie, quotidianità e sensazionalismo. I disegni e i dipinti che l'artista crea, memori dell'esperienza tedesca della Neue Sachlichkeit, possiedono una forte carica eversiva e affrontano con realismo, talvolta scabrosità, argomenti tabù, come l'erotismo e la pornografia, o fanno riemergere vicende scomode, come le scene di guerriglia urbana che raccontano gli anni di Piombo. Sia che possiedano la freschezza di uno schizzo realizzato dal vero, sia che provengano dal mondo mediatico, le immagini mostrano il loro potere e, costantemente interrogate e sollecitate da Salvino, ci rivelano la complessità del loro rapporto con la memoria, la politica, la società, la vita.

Tra le mostre personali di Andrea Salvino ricordiamo Il disprezzo, presso la Fondazione A. Olivetti, Roma, 2001; Donne facili, Corvi-Mora, Londra, 2003; Antagonista, Antonio Colombo Arte Contemporanea, Milano, 2005; Nicht Versöhnt oder Es hilft nur Gewalt, wo Gewalt herrscht (Non riconciliati o Solo violenza aiuta dove violenza regna), Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino, 2012 e il suo recente intervento per il ciclo di mostrePrivate, presso lo studio Geddes a Roma. Tra le numerose mostre collettive a cui l'artista ha partecipato, ricordiamo Exit, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino, 2002;Absolut Generation, sezione Extra 50 della 50ma Biennale di Venezia, 2003; I nuovi mostri, Fondazione Nicola Trussardi, Milano, 2004; Post Notes, ICA Londra, Midway Contemporary Art, Minneapolis, Minnesota, 2005; Apocalittici e integrati. Utopia nell'arte italiana di oggi, Maxxi, Roma, 2007; Imágenes latentes, Galería Fúcares, Madrid, 2008;Italics. Arte italiana fra tradizione e rivoluzione 1968-2008, Palazzo Grassi, Venezia, MCA Chicago, 2008; When in Rome, Istituto italiano di Cultura, Los Angeles, 2011.

__________________________________



__________________________________


Gallery Caffetteria 08

Gallery Caffetteria 07

Marisa Coppiano. Niente è come sembra
dal 15 aprile al 12 maggio 2014

Caffetteria del Chiostro del Bramante
Loggiato superiore

Ingresso Gratuito
INFO: Tel +39 06/68809035
info@chiostrodelbramante.it

Carlo Prati. Alien Urbs
dal l’ 11 marzo al 14 aprile 2014

Caffetteria del Chiostro del Bramante
Loggiato superiore

Ingresso Gratuito
INFO: Tel +39 06/68809035
info@chiostrodelbramante.it

Alma-Tadema and the British Painters of the 19th Century. The Pérez Simón Collection

16 February 2014 – 5 June 2014
Rome, Chiostro del Bramante

INFO - BOOKING | T [0039] 06 916 508 451

Sante Muro. Viaggio nella Città
11 Febbraio - 11 Marzo 2014

Caffetteria del Chiostro del Bramante
Loggiato superiore

Ingresso Gratuito
INFO: Tel +39 06/68809035
info@chiostrodelbramante.it

Paola De Rosa. InChiostro
8 Gennaio - 10 Febbraio 2014

Caffetteria del Chiostro del Bramante
Loggiato superiore

Ingresso Gratuito
INFO: Tel +39 06/68809035
info@chiostrodelbramante.it

Gallerie del Chiostro del Bramante
dal 4 Dicembre 2013 al 6 Gennaio 2014
Orari di apertura al pubblico: da martedì a domenica, h. 10.00 – 19.00; lunedì chiuso
INFO: Tel +39 06/68809035 | info@chiostrodelbramante.it

Ursula Persiani. En Agua
26 Novembre 2013 - 7 Gennaio 2014

Caffetteria del Chiostro del Bramante
Loggiato superiore

Ingresso Gratuito
INFO: Tel +39 06/68809035
info@chiostrodelbramante.it

Caffetteria Bistrot Chiostro del Bramante
Free Entry – First Floor
22 October - 25 November 2013
INFO: Tel +39 06/68809035 / info@chiostrodelbramante.it

CLEOPATRA. ROME AND THE MAGIC OF EGYPT
Curated by Giovanni Gentili
Rome, Chiostro del Bramante
12 October 2013 – 2 February 2014

Ingresso Gratuito
Martedì, h. 20.00 - 21.30
Dal 17 Settembre al 5 Novembre 2013

INFO | Chiostro del Bramante
Tel +39 06/68809035 | info@chiostrodelbramante.it
INFO | Associazione culturale I Martedì Critici
Tel +39 339 7535051 | imartedicritici@gmail.com