I MACCHIAIOLI. IL SENTIMENTO DEL VERO

I MACCHIAIOLI. IL SENTIMENTO DEL VERO

A cinquant’anni dalla grande mostra della Galleria nazionale d’arte moderna, tornano a Roma i Macchiaioli. La mostra, curata da Francesca Dini per la Fondazione Bricherasio di Torino e per il Dart Chiostro del Bramante di Roma, e ulteriormente arricchita per l’edizione romana di splendidi capolavori quali “La scolarina” di Giovanni Fattori, “Il rio a Riomaggiore” di Telemaco Signorini esposto per la prima volta, “Carro e bovi nella Maremma toscana” di Giuseppe Abbati, propone un itinerario di oltre cento opere, articolato in otto sezioni, volto a studiare l’originale e rigoroso rapporto dei Macchiaioli con “i principi del vero”. La “macchia” non fu un’invenzione dei pittori progressisti che, convenuti a Firenze da diversi luoghi della penisola, nel 1856 si costituirono in gruppo di lavoro, dando vita ad una delle più originali avanguardie del tempo; derivata dall’antico modo di colorire “alla prima” e “dal vero” (Giorgione, Tiziano), la “macchia” si caricò di nuovi significati non solo artistici e divenne lo strumento prescelto per esprimere le tensioni morali, civili, sociali di un gruppo di giovani - pittori e intellettuali - profondamente coinvolti nella realtà del loro tempo.

La prima sezione (Origine e affermazione della “macchia”) esemplifica con noti capolavori di Telemaco Signorini (Pascoli a Castiglioncello, Ritorno dalla capitale e Giovani pescatori), di Serafino De Tivoli (Campagna toscana), di Vito D’Ancona, di Giovanni Fattori (Contadina nel bosco), di Raffaello Sernesi (Pastura in montagna, Ladruncoli di fichi), di Vincenzo Cabianca (Ingresso di Villa il Barone a Montemurlo e Le filatrici) l’invenzione della “macchia”, strumento ed emblema del movimento dei realisti toscani.

La seconda sezione (Castiglioncello e Piagentina, realtà e lirica del paesaggio) introduce al momento più poetico della storia dei Macchiaioli come movimento unitario. Nel corso degli anni sessanta infatti tali artisti alternarono la loro presenza tra la villa del critico e mecenate Diego Martelli a Castiglioncello e la campagna fiorentina di Piagentina: le splendide predelle di Odoardo Borrani, di Raffaello Sernesi, di Giuseppe Abbati, straordinari capolavori di Fattori (Criniere al vento, Pasture in Maremma, Diego Martelli a Castiglioncello), di Signorini (I renaioli sull’Arno), di Silvestro Lega (La visita in Villa, Orti a Piagentina), attestano un nuovo modo di rapportarsi con il paesaggio.

La terza sezione (L’epica del quotidiano) raggruppa splendidi dipinti (di Fattori, Le macchiaiole e Raccolta del fieno in Maremma, di Borrani Cucitrici di camicie rosse, di Abbati L’orazione e Carro e bovi nella maremma toscana, di Lega Educazione al lavoro) esemplificativi di quella sublimazione del tema del lavoro e della realtà della vita quotidiana italiana del tempo, che è dimensione primaria di questi pittori.

La quarta sezione (Presagi di Naturalismo nella pittura dei Macchiaioli) si raccoglie attorno al magnifico Ave Maria di Fattori, attestando l’insinuarsi nella poetica dei Nostri di inevitabili influenze internazionali, che contemperano da un lato la pittura dei campi di Jules Breton (Cristiano Banti, Confidenze e Filatrici di paglia della Valdelsa), e dall’altro il caldo olandesismo degli interni di Alfred Stevens e di James Tissot (Signorini, Non potendo aspettare, Borrani, Una visita al mio studio, D’Ancona, La lezione di pianoforte, Lega, Visita alla balia e La pittura).

La quinta sezione (La declinazione “gentile” del vero) documenta l’impegno di artisti macchiaioli della seconda generazione ad una trascrizione “oggettiva” del vero che, depotenziando i valori di sintesi e di tensione etica della precedente produzione macchiaiola approda dopo il 1870 ad un fare più piacevolmente narrativo. Sono esposte le opere di Francesco Gioli (Il Monte di Pietà e Boscaiole di San Rossore), di Niccolò Cannicci (La prova di canto e Primi raggi), di Egisto Ferroni.

A partire dagli anni Ottanta i capiscuola macchiaioli, pur rimanendo fedeli ai temi precipui del Realismo, tendono a sviluppare percorsi individuali, Fattori esprimendo con rigore nel verismo integrale dei grandi quadri maremmani, il sentimento di appartenenza alla civiltà della sua terra (Sesta sezione: La “verità” di Fattori) Signorini privilegiando il “carattere” nella tipizzazione delle case e dei volti di Riomaggiore (Settima sezione: Il “carattere” di Signorini); Lega accentuando la spiritualità delle sue donne del Gabbro, (Ottava sezione: Il “sentimento” di Lega). E’ attraverso questi tre grandi maestri che l’eredità dei Macchiaioli si consegna al Novecento. La mostra che si avvale di un prestigioso comitato scientifico, è realizzata con la collaborazione della Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti di Firenze e si fregia di importanti prestiti istituzionali. La peculiarità è data tuttavia dalla cospicua presenza di opere difficilmente accessibili, che consentono inediti accostamenti e rendono finalmente percepibili le molteplici sfaccettature di questa pittura originale e rivoluzionaria.

La mostra è stata realizzata anche grazie al contributo di AAMS. Il catalogo, con i saggi di Luciano Alberti, Silvio Balloni, Zeffiro Ciuffoletti, Nicoletta Colombo e Daniela Magnetti e le schede di Silvestra Bietoletti e Rossella Campana, è edito dalla Silvana Editoriale.
- Promotori Comune di Roma - Regione Lazio
- Partner Gioco Sicuro Aams
- Curatore Francesca Dini


NEWS
Per 4 weekend la Pittura dei Macchiaioli al Chiostro del Bramante si arricchisce di Poesia, Musica e Teatro, per i grandi e i bambini, con una proposta dai contenuti storici e artistici che guarda alle opere in esposizione e al luogo, ma in modo gioioso, burlesco e coinvolgente, con alcuni tratti surreali e di leggerezza che ne completano la qualità e lo spessore culturale.

CALENDARIO
Tutti i venerdi e sabato dalle ore 18.00 alle ore 20.00 fino al 24 febbraio 2008

Accordi di parole
di e con Sabrina Dodaro accompagnata dal gruppo Asicomolasflores con voce di Alessandro Contini.

La Magia dei Buffoni
con Fabio Cicchiello e la scuola Nuovo Clown

Tutte le domeniche,
dalle ore 12.00 alle ore 14.00 anche il Chiostro del Bramante è dei bambini.

Mago Mancini Apaciapà
Alessandro Mancini, un Mago Medievale e un moderno Merlino.

Pascal e le bolle di Sapone giganti
Pasquale La Delfa, in arte Pascal è il poeta del buonumore e della comicità surreale che conquista adulti e bambini.

Sia il venerdi e il sabato che la domenica, ogni spettacolo dura circa 30 minuti e si alternano tra loro, proponendosi ai visitatori almeno due volte.

Catalogo
Silvana Editore

Per informazioni
Informazioni: +39.06.68809035 +.39.06.68809036

Ufficio Stampa
Sveva Fede 336.693767 – 0575.24841 – Fax 0575.370368

e-mail: fattoriadisanfabiano@inwind.it

11 Ottobre 2007 / 24 Febbraio 2008

h. 10.00 - 20.00, Lun - Ven
h. 10.00 - 21.00, Sab - Dom

*[la biglietteria chiude una ora prima]
INFO: Tel +39 06/68809035 / info@chiostrodelbramante.it

Orari feste
Giovedì 1 Novembre 10.00-21.00
Martedì 25 Dicembre 17.00-21.00
Mercoledì 26 Dicembre 10.00-21.00
Lunedì 31 Dicembre 10.00-17.00
Martedì 1Gennaio 11.00-21.00
Domenica 6 Gennaio 10.00-21.00

PREZZI BIGLIETTI
martedì RIDOTTISSIMO € 7,00
mercoledì al venerdì RIDOTTO € 9,00
sabato e domenica INTERO € 10,00


PREZZI SPECIALI

PREZZO GRUPPI SETTIMANALI € 7,00
PREZZO GRUPPI SABATO E DOMENICA € 9,00

VISITA GUIDATA € 70,00 A GRUPPO (MAX 25).

PREZZO BAMBINI ( 0-6 anni) gratuito
PREZZO BAMBINI (7-12 anni) € 7,00

PREZZO DISABILI € 7,00
ACCOMPAGNATORE DISABILE gratuito

VISITE DIDATTICHE SCUOLE : BIGLIETTO RIDOTTO € 4,50 CAD.
LABORATORIO DIDATTICO € 80,00 ( solo il lunedì)